Tentato omicidio a Terrasini, si segue la pista passionale

terrasini spari

Un regolamento di conti: i carabinieri seguirebbero la pista della vendetta personale per l’agguato di Terrasini.

Pietro Gambino doveva morire, ma la pistola si è inceppata al secondo colpo e un solo proiettile ha raggiunto il carinese.

Il muratore ventottenne non frequenterebbe ambienti malavitosi, non avrebbe rapporti con la mafia e non è mai stato coinvolto in indagini sulle cosche della zona. Gambino avrebbe avuto un conto in sospeso con qualcuno, forse una questione di donne.

In questi giorni i carabinieri della compagnia di Carini, stanno interrogando parenti ed amici della vittima. Sono stati ascoltati anche i giovani, compreso la ragazza, che si trovavano in macchina con il carinese al momento dell’agguato che sarebbe stato studiato nei minimi dettagli. I due sicari a volto coperto a bordo di un motociclo, sono entrati in azione quando Gambino è stato costretto a fermarsi allo stop di un incrocio in piazza Madonna Immacolata ed hanno fatto fuoco. Il muratore si è salvato solo per una fatalità, la pistola 7,65 si è inceppata e il secondo colopo non è stato esploso. Il primo invece lo ha colpito al collo, la pallottola si è conficcata nelle vertebre cervicali.

Ricoverato nel reparto di neurorianimazione di Villa Sofia, Pietro Gambino sarà sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per rimuovere il proiettile

GUARDA IL VIDEO DI QUELLA NOTTE

da Teleoccidente



© 2014 PartinicoLive.it | FileNews | ROC n° 24961 - P. IVA 06170930827