Terrasini, è polemica sugli “sperperi in feste” al Comune; il sindaco: “No comment”

spese pazze

Fiumi di denaro pubblico che finiscono in feste e festicciole mentre l’amministrazione comunale parlare di stringere la cinghia per il contenimento della spesa e taglia le ore ai contrattisti e per il servizio di polizia municipale. E’ un duro j’accuse quello dei consiglieri comunali di opposizione di Terrasini che in un comunicato stampa esternano la loro rabbia e puntano il dito sulla giunta, dall’altra parte il sindaco Giosuè Maniaci invece si trincera dietro un “no comment”.

Ad accendere la polemica una lettera di 8 consiglieri comunali, Gianfranco Puccio, Maria Antonietta Galati, Dario Giliberti, Antonio Militello, Nicola Ventimiglia, Giuseppe Caponetti, Grazia Ventimiglia ed Eva Deak: “Siamo l’unico paese che senza lo strumento del bilancio di previsione – accusano – riesce a spendere per feste e sagre di ogni tipo. Pensiamo soltanto ai 56 mila euro di fondi comunali spesi per le feste degli Schietti e di San Pietro che stridono fortemente con un Comune in difficoltà economiche, costretto, a detta dell’amministrazione stessa, a tagliare proprio in quei mesi le ore, al già precario personale contrattista. Praticamente un’estate senza vigili urbani ma con i Cugini di Campagna costati ai terrasinesi 15 mila euro, con tutti i problemi di sicurezza e ordine pubblico che ne conseguono. Ma ciò che ancor di più preoccupa è il ricorso continuo allo strumento della somma urgenza e degli affidamenti diretti per la più svariata tipologia di interventi, con buona pace delle gare e delle concertazioni pubbliche”.

La nota poi affonda ulteriormente quando si parla di sponsorizzazioni private non documentate come la trasparenza imporrebbe ad un ente locale: “Ci impegneremo – aggiungono gli 8 consiglieri – ad esercitare in maniera ancora più attenta il ruolo di controllo che la carica di consiglieri comunali impone, sperando che le risorse economiche non servano come vetrine elettorali autoreferenziali, ma venga messa mano alla realizzazione e definizione di opere concrete che troverebbero l’appoggio e il sostegno di tutto il consiglio comunale”.

Contattato telefonicamente il primo cittadino preferisce non alimentare alcuna polemica: “Non voglio replicare”.



© 2014 PartinicoLive.it | FileNews | ROC n° 24961 - P. IVA 06170930827