Mafia di Carini, condannati dal tribunale in 5 per complessivi 20 anni di pena

La terza sezione del Tribunale di Palermo ha condannato cinque imputati nel processo scaturito dall’operazione “Destino” nella quale finirono in manette nel 2014 alcuni presunti affiliati dei clan mafiosi di Carini e in particolare i parenti dell’anziano boss Angelo Antonino Pipitone Nella foto in alto al centro), che era capomafia di Torretta.

Una perizia medica lo ha giudicato incapace e a 74 anni l’anziano ex allevatore è uscito dal processo. La pena più alta è stata inflitta a Benedetto Pipitone che ha avuto 7 anni; 4 anni e 7 mesi per Epifania Pipitone (nella foto in alto a destra, figlia di Angelo Antonino); 3 anni e 3 mesi per Graziella Pipitone (a sinistra); 3 anni per Angela Conigliaro (in basso a destra); e 2 anni per Franca Pellerito (in basso al centro).

Gli imputati erano accusati a vario titolo di estorsione, danneggiamenti, trasferimento fraudolento di valori nel tentativo di evitare i sequestri di prevenzione. Il Tribunale ha dichiarato la prescrizione per Vincenzo Caruso accusato di trasferimento fraudolento di valori.

Caruso è assistito dall’avvocato Jimmy D’Azzò. Disposti risarcimenti, da calcolare però in sede civile, per il Centro Pio La Torre e per le vittime delle estorsioni assistite dall’avvocato Cinzia Pecoraro.



© 2014-2018 PartinicoLive.it

Testata giornalistica online iscritta al Registro del Tribunale di Palermo | Iscrizione n° 11/2018 del 24/05/2018

Direttore responsabile: Michele Giuliano | Editore: File News Srls - P. IVA 06657080823