Home COMUNICATO STAMPA Il candidato Longo: mi autosospendo da Partinicolive, nessuna ombra su nostro progetto,...

    Il candidato Longo: mi autosospendo da Partinicolive, nessuna ombra su nostro progetto, noi corretti, speriamo anche gli altri

    63
    1
    CONDIVIDI

    Il candidato al Consiglio comunale, Piero Longo, che sostiene Maria Grazia Motisi sindaco, comunica la decisione di essersi già sospeso dalle attività del sito d’informazione PartinicoLive. “Avevo già contattato gli organismi di categoria – dice Longo – per accertare che non avessi posizioni di conflitto. Ma a Partinico non basta fare le cose per bene, bisogna andare oltre. E io non voglio lasciare il minimo dubbio sul nostro progetto. Quindi anche se nessuna legge me lo impone, mi autosospendo da tutte le attività. Il sito e la pagina Facebook continueranno a essere aggiornate come sempre dalla redazione. Mi auguro a questo punto che anche la mia scelta sia da esempio per gli altri candidati”.

    1 Commento

    1. Non sono d’accordo con questa tua decisione. Chi ti conosce e ti ha apprezzato per il lavoro che hai svolto e svolgi giornalmente, é grazie a Partinicolive! Io stesso ti ho apprezzato e ti apprezzo per la serietà che metti nell’impegno. In Italia c’è Berlusconi che è il più grande conflitto d’interessi vivente che ci sia. Possiede giornali e televisioni private e non si è mai fatto alcun scrupolo. Non capisco perché a fartene debba essere tu che disponi di questa sola pagina web che ha permesso di farti conoscere e distinguere. Il mio consiglio è di continuare e lasciare cadere le critiche che sciacalli possono muovere soltanto per invidia. Ti invito a rifletterci sopra e a non abbandonare il tuo pubblico che ti vuole bene, ti apprezza, ti stima! Se oggi hai raggiunto questo grado di notorietà è grazie anche ai sacrifici che fai sempre. Riflettici!
      I tuoi elettori debbono sentire cosa stai facendo per Partinico. In bocca al lupo Piero, non ci deludere e continua a farti pubblicità, perché ne hai tutto il diritto.
      Luigi Scasso

    Comments are closed.