Home CRONACA Partinico, migranti picchiano bimbo e irrompono dentro un’abitazione(VIDEO)

Partinico, migranti picchiano bimbo e irrompono dentro un’abitazione(VIDEO)

727
6

Quello tra Via Matteotti e via Colombo è un quartiere tranquillo dove i bambini giocano liberamente, per le strade piccole e poco trafficate. Quello di oggi è però un caso che ha fatto scatenare la rabbia di alcuni residenti. Un bambino di 12 anni ( no di 9 come avevamo scritto)arrivato da un altro quartiere fa una piccola bravata per gioco e prende una bici che sembrava abbandonata.

Il bambino porta così via la bici appoggiata ad un muro davanti una comunità per migranti in via dell’Avvenire. Il piccolo però viene inseguito da un gruppetto di migranti che lo bloccano in via Alcide De Gasperi.
Il migrante lo afferra per la maglia, ma grazie ad un passante che chiede di lasciarlo andare via, riesce a fuggire. Ma non finisce qui, il bambino viene nuovamente inseguito e bloccato in via Matteotti dove il migrante cerca di strangolarlo prendendolo a schiaffi. Al bambino esce sangue dal naso ma grazie all’intervento di alcuni residenti riesce a fuggire un’altra volta.
IL gruppetto di immigrati si sposta poi in via Alcide De Gasperi fermandosi davanti ad una palazzina, dove pensavano abitasse il bambino, lì iniziano ad urlare e a prendere a calci e a pugni la saracinesca e il portone; i residenti sono riusciti in un primo momento a farli allontanare ma subito dopo sono ritornati in 10 circa dicendo di voler uccidere il bambino, hanno così cominciato a lanciare pietre verso l’abitazione dove si trovavano in quel momento 2 anziani, una donna incinta e dei bambini. Il gruppo di immigrati prende una spranga e colpisce la grondaia fino a spaccarla.
I migranti sono riusciti ad entrare sfondando la porta, hanno visto che il bambino non c’era poiché non viveva in quella casa, nel frattempo è arrivato l’educatore che li ha portati via.
Subito dopo sono arrivati i carabinieri e l’ambulanza del 118 che ha soccorso la donna incinta sul posto per precauzione dato lo spavento.
La madre del 12enne locale però sulla nostra pagina facebook smentisce tutto e scrive testuali parole:
Ragazzi calmatevi tutto ciò che è stato scritto non è vero nulla il bambino in questione è mio figlio certo abbiamo passato un brutto momento vi spiego la situazione mio figlio conosce in primis il ragazzo di colore ha preso la bici x farsi un giro che è sbagliatissimo toccare le cose altrui dopo 5 minuti la bici e ritornata al padrone il ragazzo di colore non si è permesso ad alzare un dito su mio figlio naso rotto pugni ecc casa sfondata ecc sono solo cavolate scritta dell’ Signore che ha questa pagina che verrà denunciato da me è dell’ responsabile della comunità x diffamazione poi un altra cosa l unica cosa che ha fatto il ragazzo di colore e stato tenerlo x il braccio che voleva portarlo dall’ educatore e avvisare i carabiniere dell’ accaduto e questo e tutto

Attualmente sono indagini in corso dei carabinieri.

IN AGGIORNAMENTO

ecco il video

6 Commenti

  1. Ma per “portare via la bici”, intevate dire che la stava rubando? Forse i carabinieri dovrebbero indagare anche su questo… E comunque sembra proprio una fake news buttata per alimentare odio… Casualmente in quella casa aperta a sprangate si trovavano donne incinta, anziani ed un bambino, tutte categorie deboli… Strano

    • Ma chissà perchè queste affermazioni o domande, comunque mi auguro che nel proseguo non si verifichino altri incidenti ma se così fosse i primi colpevoli sarebbero non questi individui ma chi li gestisce e li garantisce e sicuramente poi altro che manifestazioni ecc. Ci state vendendo per queste ………

    • Cioè i carabinieri devono secondo lei indagare sul fatto che un bimbo prende una bici, invece di denunciare chi è andato in gruppo di 8-9 persone tutte maggiorenni contro quel bimbo??? Ma state scherzando, il piccolo può avere sbagliato a prende la bici xk non si fa, ma voi non state lì a giustificarli sempre anche se sfondano una casa per lei è giusto, le persone vogliono sicurezza per i figli!!!! Aprite gli occhi

    • MA FORSE NON AI CAPITO;QUI STIAMO PARLANDO DI UN BAMBINO CHE RUBA NA BICICLETTA;ALLORA UNO CHIAMIAMOLO FURTO; MA POI SI AGGIUNGE LAGGRESSIONE DI MASSA VERSO UN SOLO BAMBINO;ORA DIMMI TU

  2. Se gli uomini sicilani sono ancora uomini e non femminucce, reagiranno: i clandestini picchiano i bambini siciliani, non é possibile andare avanti così,
    Stop Invasione islamoafroasiatica. Intervenga l’esercito a cacciare gli invasori

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui