Home VIABILITÀ Castellammare del Golfo, psicosi sicurezza sui ponti dopo Genova: il Comune chiede...

Castellammare del Golfo, psicosi sicurezza sui ponti dopo Genova: il Comune chiede l’intervento dell’Anas

308
0

E’ psicosi in città dopo il recente crollo del ponte a Genova che ha provocato decine di vittime e feriti. Al Comune sono tante le segnalazioni che pervengono da ogni parte per evidenziare potenziali rischi di ponti e viadotti lungo il territorio che ricadono in autostrade e strade statali, quindi di pertinenza dell’Anas. In particolare dito puntato sul viadotto allo svincolo autostradale e quello sulla statale 117 denominato “Acqualavite”.

Sulla scorta proprio di queste segnalazioni il sindaco Nicola Rizzo ha scritto alla sede centrale dell’Anas ed alle sedi di pertinenza locale per chiedere un monitoraggio delle condizioni di sicurezza di viadotti e ponti  nel territorio castellammarese.

“Alla luce dei recenti fatti di Genova ho chiesto un severo ed approfondito controllo delle strade, dei viadotti e ponti sul territorio comunale, di competenza dell’Anas, anche al fine di poter rassicurare i tanti cittadini che si sono rivolti all’amministrazione sollecitando i controlli – afferma il sindaco -. Ho percepito una grande preoccupazione da parte dei cittadini ed anche per questo ho chiesto riscontro in tempi brevi”.

Secondo il primo cittadino occorre attenzione per il problema della sicurezza dei viadotti e ponti di pertinenza Anas: “Per questo – prosegue Rizzo – volevo rassicurare tutti i cittadini castellammaresi, ed in particolare coloro che hanno fatto delle precise segnalazioni, che siamo già intervenuti presso tutti gli organi competenti per sollecitare un completo ed approfondito intervento straordinario di controllo anche del viadotto dello svincolo che porta a Castellammare dell’autostrada A-29 ed il viadotto Acqualavite sulla Ss.187 e di tutti i viadotti e ponti che si trovano nel nostro territorio”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui