Home PRIMO PIANO Partinico, ridimensionamento ospedale: domani convocato consiglio straordinario aperto, mobilitazione contro “declassamento”

    Partinico, ridimensionamento ospedale: domani convocato consiglio straordinario aperto, mobilitazione contro “declassamento”

    44
    0
    CONDIVIDI

    Il vero grande nodo resta attorno al reparto di Pediatria che rischia seriamente di perdere l’autonomia e di essere declassato. Ostetricia e Ginecologia invece diventa unità dipartimentale perdendo l’unità complessa, Urologia promossa e nasce la nuova unità per la cura del piede diabetico. E’ una rete ospedaliera in chiaroscuro per il Civico di Partinico che alla fine perde e guadagna qualcosa così come concepita dalla VI Commissione Salute all’Ars che ha votato con qualche modifica il piano che era stato approvato dal governo regionale in giunta.

    Rispetto a queste modifiche si sono messi in moto i Comuni del comprensorio preoccupati per possibili conseguenze sul piano dell’assistenza sanitaria. Per domani a Partinico alle ore 10 è stato convocato un consiglio comunale straordinario e aperto a cui sono stati invitati, oltre ai Comuni di Montelepre, Giardinello, Balestrate, Trappeto, Borgetto, Terrasini, Cinisi, Carini, Capaci, Torretta, Alcamo, Calatafimi e Castellammare del Golfo, anche i componenti della Commissione Sanità all’Ars, i capigruppo dell’assemblea regionale, i vertici dell’Asp di Palermo e l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza.

    Si dibatterà sul nosocomio partinicese con il grande punto interrogativo sul reparto di Pediatria che ad oggi è un’unità complessa, vale a dire dotata di piena autonomia e con un proprio primario interno: “L’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha già chiesto la deroga al ministero per il mantenimento dell’unità complessa – afferma l’assessore alla Sanità di Partinico Rosi Pennino -. Purtroppo ci sono dei parametri ministeriali che promuovono o bocciano determinati reparti, dei freddi numeretti. Il governo regionale sta mettendo il suo impegno e la sua forza istituzionale affinchè si possa evitare questo declassamento”.

    Ostetricia e Ginecologia da unità complessa si trasforma in dipartimentale, mentre nella rete originaria il governo regionale l’aveva declassata ad unità semplice; Urologia al contrario da unità semplice diventa dipartimentale, quindi tornerà ad avere un proprio primario seppur a “scavalco” tra diversi ospedali. Promozione invece per il reparto di Diabetologia, centro di riferimento per la Sicilia occidentale, che acquisisce un’unità semplice per la cura del piede diabetico, unico nel suo genere in Sicilia. Si dice soddisfatta, tutto sommato, l’assessore Pennino che con l’amministrazione ed il consiglio comunale aveva fatto un’alzata di scudi rispetto all’iniziale rete ospedaliera concepita: “Ritengo che il risultato sia straordinario”.

    Di visioni opposte i consiglieri di opposizione che lanciano l’allarme attorno all’ospedale partinicese: “Il sindaco Maurizio De Luca e l’assessore Pennino la smettano con i proclami e le false rassicurazioni – aggiunge Emiliano Puleo -. Il tanto decantato governo amico getta un preliminare colpo di scure con il declassamento dell’ospedale di Partinico per poi fare come ad Alcamo, Carini e Corleone, ovvero renderlo una scatola vuota che offre prestazioni solo a determinate ore del giorno”.