Home AMBIENTE Trappeto, inquinamento mare San Cataldo: Regione dispone bonifica degli affluenti

    Trappeto, inquinamento mare San Cataldo: Regione dispone bonifica degli affluenti

    21
    0
    CONDIVIDI

    Prima riunione operativa all’assessorato regionale Territorio e Ambiente per affrontare le criticità ambientali relative alle acque del fiume Nocella e dei suoi affluenti, con particolare impatto sulla foce che scarica sul mare di San Cataldo al confine tra Trappeto e Terrasini. L’obiettivo dei Comnuni coinvolti e della Regione è quello di “individuare una strategia ambientale efficace che porti all’aumento del livello della qualità dell’acqua, al momento classificata dall’Arpa Sicilia come scarsa”.

    Infatti questo tratto di mare non è balneabile. Alla riunione hanno preso parte i sindaci e gli amministratori dei Comuni di Borgetto, Carini, Giardinello, Monreale, Montelepre, Partinico, Terrasini e Trappeto, i responsabili dell’Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Sicilia) e i funzionari del Servizio 3 dell’assessorato.

    “Abbiamo a cuore la salvaguardia del territorio regionale, sia sotto il profilo del recupero ambientale che della sua valorizzazione – ha detto l’assessore regionale al Territorio e ambiente Toto Cordaro, promotore dell’incontro -, per questo ho disposto l’immediata verifica tecnica dell’area per l’avvio delle azioni necessarie alla bonifica dei luoghi. In particolare si dovrà procedere alla pulizia delle sponde del fiume Nocella e all’individuazione degli scarichi sia civili che industriali non autorizzati; attività questa preliminare e necessaria perché possa immaginarsi una azione di utile risanamento”.

    Nel corso dell’incontro l’assessore Cordaro ha chiesto ai dirigenti dell’Arpa di procedere, entro il tempo massimo di un mese, ad una valutazione analitica dei corpi idrici superficiali, specificando tutte le criticità ambientali relative a ciascun comune che insiste sul fiume Nocella e sui suoi affluenti, anche attraverso una mappatura territoriale. Un secondo incontro è stato programmato per la individuazione degli interventi da adottare ed è stato fissato già per la fine del mese di settembre.