Home LAVORI PUBBLICI Alcamo, stop a scavi selvaggi e senza controlli: regolamento dal Comune con...

    Alcamo, stop a scavi selvaggi e senza controlli: regolamento dal Comune con sanzioni e verifiche

    322
    0
    CONDIVIDI

    Basta con gli scavi selvaggi nelle strade e la mancanza di controlli da parte del Comune. Ad Alcamo entra in vigore un regolamento comunale che disciplina rigorosamente la materia per evitare dissesti stradali e prevede anche pesanti penali per chi non garantisce interventi di risistemazione dell’asfalto a regola d’arte. Il consiglio comunale ha dato il via libera ad un testo che va a regolamentare l’esecuzione delle manomissioni e dei ripristini delle infrastrutture stradali.

    Anzitutto la richiesta di scavi riguarda sia i singoli privati che le imprese: tutti dovranno fare riferimento per la necessaria autorizzazione ai lavori ad un modulo standard con l’allegato tecnico che contiene tutte le caratteristiche di scavo e ripristino della sede stradale. Un solo l’emendamento presentato dalla stessa commissione consiliare che ha esitato il testo e che riguarda una parte in cui era stata determinata autonomamente dall’ufficio tecnico.

    La modifica in pratica è quella che dà la possibilità di intervenire su una stessa area oggetto di scavo senza alcuna limitazione, mentre l’ufficio aveva proposto un divieto di almeno 2 anni da un intervento all’altro. “E’ chiaro – ha detto la dirigente della Direzione 4 ai Lavori pubblici e Servizi manutentivi, Anna Parrino – che le continue manomissioni accorciano la vita media dell’asfalto perchè deteriorano il bitume”.

    Tra gli obblighi di chi effettua lo scavo la presentazione di planimetrie in cartaceo e in file dvd ma soprattutto il deposito cauzionale con differenti importi a secondo del tipo pavimentazioni. Si va dai 50 euro metro quadro per il normale asfalto ai 150 euro per scavi in aree con materiale lapideo.

    La restituzione della somma da parte del Comune avverrà entro i 6 mesi ed in questo lasso di tempo gli uffici avranno l’obbligo di verificare che il ripristino sia stato fatto a regola d’arte, in caso contrario le somme saranno trattenute. Dall’autorizzazione ai lavori ci saranno 3 mesi di tempo per iniziare ed entro 6 mesi si dovrà concludere il cantiere.

    var url69120 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=439&evid=69120”;
    var snippet69120 = httpGetSync(url69120);
    document.write(snippet69120);

    LEAVE A REPLY

    Per favore inserisci il tuo indirizzo email qui
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.