Home NOTIZIE DALL'ITALIA Panico in una discoteca nell’Anconetano: 6 morti nella calca

    Panico in una discoteca nell’Anconetano: 6 morti nella calca

    853
    0
    CONDIVIDI

    Il fuggi fuggi generale sarebbe stato scatenato da spray urticante spruzzato da qualcuno sulla folla. Un ferito accusa: “Uscita di sicurezza sbarrata”. Il locale è stato sequestrato

    Cinque ragazzini di età compresa tra i 14 e i 16 anni e una madre che accompagnava la figlia sono morti travolti dalla calca durante un fuggi fuggi generale in un locale nell’Anconetano, la discoteca “Lanterna azzurra” di Corinaldo, in località Madonna del Piano. A scatenare il panico durante il concerto del rapper Sfera Ebbasta sarebbe stato l’utilizzo di spray urticante. 66 i feriti, tra cui 12 gravi: alcuni di loro sono in pericolo di vita.

    Le vittime sono due ragazze 14enni di Senigallia, un ragazzo 16enne di Ancona, un ragazzo e una ragazza 15enni di Fano e una donna 39enne di Senigallia. I feriti sono stati trasportati negli gli ospedali di Torrette ad Ancona (i più gravi), Senigallia e Jesi. Gli investigatori stanno vagliando diversi elementi: sia in merito alla dinamica della tragedia, che ricorda quella di piazza San Carlo a Torino (anche in quel caso il panico venne scatenato da spray urticante), sia in relazione all’ipotesi che nella struttura fossero presenti più persone del consentito. Inoltre è in corso di verifica a una testimonianza sul mancato funzionamento di un’uscita di emergenza.

    Un 16enne, rimasto ferito, ha infatti raccontato che nel locale, dove c’era un migliaio di persone, “stavamo ballando in attesa che cominciasse lo spettacolo di Sfera Ebbasta, quando abbiamo sentito un odore acre: siamo corsi verso una delle uscite di emergenza ma l’abbiamo trovata sbarrata, i buttafuori ci dicevano di rientrare…”. Il ragazzo e’ stato trasportato, insieme alla fidanzatina sua coetanea, all’ospedale di Torrette di Ancona: il suo racconto è confuso, ma il giovane si dice sicuro del fatto che l’uscita d’emergenza fosse chiusa.

    Proprio per questo motivo la calca si sarebbe sfogata verso un’altra uscita di sicurezza, quella che dà su un ponticello che, dopo aver attraversato un piccolo fossato, collega il locale al piazzale del parcheggio. Secondo la ricostruzione degli investigatori, la tragedia è avvenuta in quel punto: quando i ragazzi sono usciti di corsa dal locale, decine di loro si sono accalcati per passare sul ponticello fino a quando una balaustra ha ceduto. I primi ragazzi sono così caduti nel fossato, un metro sotto il ponticello, e sono stati schiacciati dal peso di quelli che li seguivano.

    Il locale è stato posto sotto sequestro, e nella notte i carabinieri hanno ascoltato 6 degli addetti alla sicurezza presenti nella discoteca al momento della tragedia
    GUARDA IL VIDEO

    [smiling_video id=”69159″]


    [/smiling_video]