Home CRONACA Partinico, a fuoco due auto della famiglia di un sindacalista ed ex...

    Partinico, a fuoco due auto della famiglia di un sindacalista ed ex amministratore

    5889
    0
    CONDIVIDI

    Un incendio doloso ha distrutto due auto a Partinico nella notte trascorsa appartenenti alla famiglia di Nicola Barone (nella foto), 45 anni, ex presidente del consiglio di San Cipirello già in passato vittima di altre intimidazioni. Da anni residente nella cittadina partinicese, Barone attualmente ricopre a San Cipirello la carica di segretario della Uil ed è anche presidente della società di calcio del Castellammare ’94 che milita nel campionato di eccellenza.

    I due veicoli erano posteggiati in via Saponara, una Reanult Clio e una Fiat Punto, strada del quartiere “Spine Sante” nel cuore del centro storico di Partinico. I mezzi erano in uso alla moglie e al figlio di Barone. Ad intervenire i vigili del fuoco che hanno fatto il possibile.

    Le auto però sono andate quasi del tutto distrutte anche perchè l’autore del raid le ha entrambe cosparse di liquido infiammabile anche all’interno, dopo aver rotto i vetri dei finestrini. Ad avere avviato l’indagine di carabinieri della stazione di Partinico che al momento non escludono alcuna pista.

    Sicuramente quella più battuta resta quella del messaggio indirizzato a Nicola Barone che già nel 2014 fu vittima di un altro inquietante messaggio: gli fu recapitata una busta den dei proiettili all’interno. Recentemente anche in maniera abbastanza plateale ha protestato nei confronti del Comune di San Cipirello per la gestione del cimitero dove sono tumulati i suoi cari.

    Attorno al camposanto è aperta tutt’ora un’indagine su ipotetici illeciti riguardo a concessioni rilasciate, progetti di lavori di ampliamento e ristrutturazione delle tombe. Ma non si esclude neanche l’attività portata avanti sul piano sindacale dallo stesso Barone.
    [smiling_video id=”76584″]

    var url76584 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=439&evid=76584”;
    var snippet76584 = httpGetSync(url76584);
    document.write(snippet76584);

    [/smiling_video]