Home CRONACA Partinico, coniugi con cocaina: tribunale Riesame annulla domiciliari

    Partinico, coniugi con cocaina: tribunale Riesame annulla domiciliari

    1247
    0
    CONDIVIDI
    Roma, 7 mar. (Apcom) - Violenza sulla moglie e sulla figlia minore. Per questo un 36enne palermitano, con precedenti di polizia, è stato allontanato dalla casa familiare perche ritenuto responsabile di abuso di mezzi di correzione e maltrattamenti in famiglia. La decisione è stata presa dal Gip di Palermo, Silvana Saguto, su richiesta del Pm, Vella Ancora. Il provvedimento è stato eseguito dalla squadra mobile di Palermo. Le violenze duravano da anni, soprattutto nei confronti della figlia. L'uomo la insultava scagliandola addirittura in più di una circostanza contro gli infissi, oltre che sulle scale di casa. Violenze anche sulla moglie, vittima a sua volta di ripetute pratiche vessatorie e di lesioni fisiche. L'episodio è emerso nei giorni scorsi quando la giovane madre ha accompagnato sua figlia 13enne all'ospedale per escoriazioni ed ecchimosi. Ai medici le due donne hanno fornito una versione di comodo del fortunoso incidente domestico. Immediata la segnalazione alla polizia che ha fatto scattare le indagini. Il clima di terrore e omertà in famiglia è stato finalmente rotto e la donna ha testimoniato denunciando le violenze domestiche. Proprio per rendere più efficace l'azione degli agenti impegnati anche in questo settore, nei prossimi giorni prenderanno il via dei corsi di perfezionamento tenuti dal dirigente della sezione della squadra mobile di Palermo. Si parlerà di prevenzione e repressione di violenze familiari e abusi su minori e donne, ma anche delle dinamiche psicologiche per fare in modo da sostenere le vittime degli abusi, anche alla luce della tipizzazione di nuovi reati nel settore, come lo "stalking".

    Annullati i domiciliari ai due coniugi arrestati dalla polizia a Partinico nei giorni scorsi con oltre 50 grammi di cocaina e materiale per il confezionamento. Il tribunale del Riesame, a cui avevano fatto ricorso i legali dei due presunti pusher, Lidia Taormina e Lorenzo Sanseverino, ha disposto il solo provvedimento del divieto di dimora e l’obbligo di firma.

    Carolina Varchi

    I due erano stati beccati all’interno dell’auto mentre tentavano di disfarsi dello stupefacente e per questo erano stati ammanettati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. L’operazione era scattata in via Cannavò quando gli agenti fermarono e sottoposero a controllo l’auto con a bordo i due.

    Alla vista dei poliziotti la donna è stata vista gettare qualcosa: si trattava di una calza con all’interno 60 involucri in plastica termoriscaldati contenenti cocaina, per un peso complessivo di 23 grammi, ed ancora altra cocaina in pietra del peso di 30 grammi, oltre ad un bilancino di precisione. Il materiale è stato recuperato dai poliziotti.

    var url79653 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=439&evid=79653”;
    var snippet79653 = httpGetSync(url79653);
    document.write(snippet79653);