Home ENTI LOCALI Partinico, consiglio sulle dichiarazioni del sindaco su processo “mafia-scommesse”: assente la sua...

Partinico, consiglio sulle dichiarazioni del sindaco su processo “mafia-scommesse”: assente la sua coalizione

1341
0

Il sindaco Maurizio De Luca, così come era ampiamente prevedibile, ha disertato il consiglio comunale di ieri sera in cui si è discusso delle sue parole pronunciate riguardo alla costituzione di parte civile del Comune al processo su mafia e scommesse “Game over”. Non pervenuti anche i consiglieri comunali che fanno riferimento alla sua coalizione. La seduta si è quindi sviluppata su numeri risicatissimi: in 13 si sono presentati, il numero minimo per permettere i lavori.

Unanime l’attacco frontale degli esponenti presenti che non hanno gradito le dichiarazioni pubbliche del primo cittadino, rilasciate alla vigilia delle sue dimissioni che diverranno esecutive il prossimo 22 maggio se non dovessero essere ritirate, in cui ha parlato proprio della costituzione di parte civile del Comune al processo “Game over”.

De Luca disse che si confrontò un giorno con i capigruppo chiedendo loro cosa ne pensassero della costituzione di parte civile: “Dovevate vedere le loro facce…”, facendo quindi intendere che quel giorno ci fu un grande imbarazzo. Otto consiglieri hanno presentato questa richiesta urgente di consiglio in cui era stato chiesto espressamente a De Luca di chiarire meglio quelle esternazioni.

“La risposta è stata data dalla sua assenza, – commenta polemicamente la consigliera Vanessa Costantino, tra coloro che hanno richiesto la seduta -, atto scontato, e dall’assenza dei suoi rappresentanti in consiglio che hanno deciso di non essere presenti, non giustificandone il motivo. L’azione spiega l’essere uomo, l’essere Istituzione, l’essere responsabile di Maurizio De Luca”.

Replica con ironia il consigliere a sostegno della coalizione De Luca, Toti Comito, tra gli assenti ieri: “Convocare un consiglio comunale a distanza di 15 giorni dall’intervista incriminata rilasciata dal sindaco dimissionario é pretestuoso e denota la scarsezza politica e morale di quanti non avendo argomenti si aggrappano ai vetri e ai pelucci del kiwi. Non potendo più dare il cattivo esempio, si sono messi a dare buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio”. In apertura di consiglio è stato sottoscritto un documento unitario da tutti i consiglieri presenti che hanno rinunciato al gettone di presenza.
[smiling_video id=”81852″]

var url81852 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=439&evid=81852”;
var snippet81852 = httpGetSync(url81852);
document.write(snippet81852);

[/smiling_video]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui