Home AGRICOLTURA Partinico, sos dalle campagne dello Jato: condotte colabrodo, acqua con il contagocce

Partinico, sos dalle campagne dello Jato: condotte colabrodo, acqua con il contagocce

533
0

Addio ai “primaticci”, adesso a rischio è anche il raccolto estivo. Sos che arriva dal Comitato Invaso Poma che si è riunito in questi giorni per denunciare la situazione di stallo che riguarda le infrastrutture al servizio dell’erogazione idrica per l’agricoltura dalla diga Jato di Partinico. Con l’estate oramai alle porte l’acqua è stata erogata con il contagocce per via delle numerose falle presenti lungo le condotte.

E’ stato garantito un quantitativo di circa 300 litri al secondo per il II lotto, insufficiente a coprire tutta la zona servita, e altri 200 litri per il terzo a gravità mentre per il I lotto sollevato dovrebbero aprirsi i rubinetti la prossima settimana. Nonostante le piogge, che comunque hanno attenuato la sofferenze delle coltivazioni, si parla già di primi pesanti danni per le campagne che dovrebbero essere servite da questo bacino idrico, circa 7 mila ettari tra Partinico, Balestrate, Trappeto, Borgetto e Terrasini.

I primi effetti negativi si sono abbattuti sui “primaticci”, vale a dire frutta e ortaggi che maturano prima della stagione normale o prima di altre varietà della stessa specie: per esempio pesche, ciliegie, fichi, insalata, patate raccolte prima della completa maturazione. “Resta grave – scrive in una nota il comitato – la situazione del servizio in relazione ai risolutivi mancati interventi di risanamento della rete, seppur pressantemente e costantemente richiesti in tempi utili, e più specificatamente nel II e III lotto sollevato”.

Lo stesso organismo denuncia poi l’assenza di risposte da parte del Consorzio di Bonifica Palermo 2, ente che gestisce l’erogazione per uso irriguo delle acque dell’invaso partinicese, nonostante ripetuti solleciti e parla di “sottovalutazione dei suoi scopi istituzionali”. Con un’apposita nota sempre il Comitato ha informato della grave situazione i sindaci e l’assessore regionale all’Agricoltura. Oggi la diga contiene all’incirca 60 milioni di metri cubi, quindi è quasi alla sua massima capienza, ma almeno un 50 per cento di territorio coltivato non è comunque servito a causa delle falle nelle condotte.

L’emergenza condotte è sotto osservazione del governo regionale: “E’ stato convocato il tavolo tecnico per il prossimo 23 maggio – assicura Rosi Pennino, componente dello staff dell’assessorato regionale all’Agricoltura – proprio per affrontare la condizione infrastrutturale della rete. In dirittura d’arrivo progetti e interventi importanti per questo comprensorio. Il livello di attenzione è alto da parte del governo regionale e di questo assessorato”.

var url81926 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=439&evid=81926”;
var snippet81926 = httpGetSync(url81926);
document.write(snippet81926);

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui