Home CRONACA Partinico, aggressione razzista la notte di Ferragosto: 14 anni di carcere per...

    Partinico, aggressione razzista la notte di Ferragosto: 14 anni di carcere per 4 del branco

    1790
    0
    CONDIVIDI

    Quasi del tutto accolte le richieste dell’accusa dal giudice del tribunale di Palermo nella sentenza di condanna per 4 degli 7 imputati dell’aggressione razzista avvenuta tra Trappeto e Partinico a danno di alcuni migranti ospiti di una comunità. Dei sedici anni richiesti ne sono stati inflitti ben 14 secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica.

    La pena più alta per Emanuele Spitaleri (4 anni e 3 mesi), seguito poi da Roberto e Salvatore Vitale (4 anni ciascuno) e da Valentina Mattina (2 anni e mezzo). Facevano parte del branco che la notte di Ferragosto dello scorso anno inseguirono e picchiarono un gruppo di extracomunitari a Partinico. Per gli altri quattro presunti aggressori, Antonino Rossello, Giacomo Vitale, Rosa Inverga e Maria Cristina Schirò, invece ci sarà il rito ordinario e il dibattimento è attualmente in corso.

    Agghiaccianti le immagini della videosorveglianza che inchiodarono gli aggressori degli extracomunitari, in tutto 6 gambiani, inseguiti dalla spiaggia di Trappeto sino a Partinico dove avevano tentato di trovare riparo tornando a bordo del pulmino del centro in cui erano ospiti. Dal video ripreso da una telecamera di un’attività commerciale di via Maggiore Guida, dove è avvenuta l’aggressione, si vede con chiarezza che addirittura tre auto sbarrano la strada al pulmino.

    Si vedono poi correre in diverse direzioni gli extracomunitari per tentare di sfuggire alle botte. Uno o due di loro vengono bloccati, buttati a terra e picchiati con ferocia. Attorno almeno 4 o 5 persone, altri nel frattempo si erano messi a rincorrere gli stranieri che erano scappati. Il Comune di Partinico si è costituito parte civile al processo.

    LEAVE A REPLY

    Per favore inserisci il tuo indirizzo email qui
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.