Home METEO Caldo africano in arrivo

Caldo africano in arrivo

319
0

3bmeteo.it

NUOVO ACUTO DELL’ANTICICLONE AFRICANO – Una nuova espansione dell’anticiclone subtropicale di origine nordafricana, verso l’Italia, porta un fine settimana caratterizzato da caldo intenso. Una depressione insiste infatti tra l’Oceano Atlantico e il Portogallo pescando masse d’aria molto calda dal Sahara che risalgono verso il Mediterraneo centrale. Valori di 20°C a 850hpa(1550 metri sul livello del mare)raggiungeranno le regioni tirreniche, mentre punte di 25-26°C alla stessa quota, sono attesi sulla Sardegna meridionale.

CALDO SU TUTTA ITALIA: MASSIME PROSSIME AI 37-38°C – Sulla Pianura Padana si raggiungeranno temperature massime comprese tra i 33 e i 35°C, ma con picchi di 36-37°C sull’Emilia orientale(basso Modenese e Ferrarese). Al Centro le temperature saranno più elevate sul versante tirrenico dove da circa 10-15 giorni si registra una serie consecutiva di massime di 5-6°C superiori rispetto alle medie. Le città più calde saranno Firenze, Arezzo e Terni, con punte di 37°C proprio sul capoluogo di provincia umbro. Al Sud e in Sardegna gran caldo sulle zone interne con valori massimi prossimi ai 37-38°C in Sardegna, Sicilia e in Puglia. Foggia dovrebbe risultare il capoluogo di provincia più caldo delle regioni meridionali nella giornata di oggi.

IN SERATA DISTURBO TEMPORALESCO AL NORD – Se l’anticiclone appare estremamente solido al Centrosud, dove il tempo rimarrà stabile per tutto l’arco delle 24 ore e anche nella giornata di domenica, al Nord infiltrazioni di aria più fresca in quota, alimenteranno instabilità pomeridiana dapprima sull’arco alpino e sulle Prealpi, poi, dalla sera anche sulla Pianura Padana, con fenomeni temporaleschi e rovesci che, a carattere sparso, interesseranno il Piemonte orientale, la Lombardia, il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e, nella notte, parte dell’Emilia Romagna, specie lungo il corso del Po. I temporali più forti insistenti dovrebbero interessare il Bellunese e le Prealpi Giulie; altrove il passaggio instabile dovrebbe risultare più veloce esaurendosi nel giro di poche ore, ma potrebbe assumere, isolatamente, un carattere di forte intensità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui