Home AMBIENTE Alcamo, caos rifiuti perenne: servizio ancora a vuoto a macchia di leopardo

Alcamo, caos rifiuti perenne: servizio ancora a vuoto a macchia di leopardo

316
0

Stenta ancora a entrare a regime la raccolta dei rifiuti ad Alcamo. Nonostante i tentativi di Comune e ditta dell’Energatikambiente di riorganizzazione, con il varo dei nuovi calendari di raccolta porta a porta sia nel centro urbano che ad Alcamo marina, il servizio continua ancora a girare a vuoto. L’annunciato avvio della raccolta porta a porta nella zona costiera non è avvenuto ed in centro urbano continuano ancora a verificarsi a macchia di leopardo problemi di mancato ritiro della spazzatura.

L’associazione Fare ambiente sostiene che specie su Alcamo marina i problemi persisteranno e la raccolta porta a porta non verrà attivata: “I lavoratori di Energetikambiente, che rappresentano purtroppo il terminale su cui si scarica la esasperazione dei cittadini, – scrive in una nota – fanno sapere che ancora per attivare il servizio ci vorranno alcuni giorni”.

“Se si fosse previsto il servizio un mese prima su Alcamo marina – aggiunge in proposito il movimento politico Abc – oggi gli alcamesi, e non solo, non si troverebbero a trascorrere le vacanze invasi da sacchi della spazzatura”. Nel frattempo la Uil è tornata ad attaccare l’amministrazione comunale, con cui ci sono stati battibecchi a distanza, per il prolungarsi di questa emergenza rifiuti che ad Alcamo non ha precedenti.

Il sindacato torna a ribadire che le colpe di questo disservizio sono da addebitare al Comune e sono relative alla famosa riorganizzazione dell’appalto con un primo bando andato deserto e un secondo invece la cui ditta vincitrice alla fine ha rinunciato ad avviare il servizio. La Uil è convinta che la “compressione” dei costi abbia inciso su quanto accaduto e l’emergenza di oggi è frutto di continue proroghe alla ditta Energetikambiente il cui contratto è scaduto oltre 3 anni fa.

“Serve urgentemente che il Comune – attacca Giorgio Macaddino della Uil trasporti Trapani – approvi il bando di gara definitivo adeguandolo alle esigenze che sono emerse per rendere un servizio di qualità e per salvaguardare lavoratori tutti. Così ogni ditta potrà partecipare alla gara e potranno aggiudicarla seguendo i più veloci percorsi di aggiudicazione definitiva e riconsegnando un buon servizio alla città”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui