Home COSTUME Partinico, ancora riconoscimenti per Vincenzo Pirrotta: premiato a Napoli da Tullio Solenghi

Partinico, ancora riconoscimenti per Vincenzo Pirrotta: premiato a Napoli da Tullio Solenghi

1727
0

Ancora riconoscimenti in giro per l’Italia e per il mondo per l’attore e regista partinicese Vincenzo Pirrotta. A lui assegnato a Napoli il prestigioso premio “Le maschere del teatro italiano 2019” come miglior attore non protagonista per l’interpretazione di Calibano ne “La Tempesta”.

Nel contempo il Comune di Partinico, con atto del commissario straordinario Rosario Arena, decide di assegnare una benemerenza. Per Pirrotta, 48 anni, nuovi traguardi e soddisfazioni sul piano artistico a dimostrazione che non sempre può ritenersi valida l’espressione che “non si è profeti in patria”.

A consegnare il premio sul palco del teatro Stabile di Napoli è stato il noto attore Tullio Solenghi che allo stesso modo ha dato 13 diversi riconoscimenti ad artisti e spettacoli protagonisti della scorsa stagione teatrale. Il Comune di Partinico, proprio in questi giorni, ha deciso di riconoscere formalmente, a nome della comunità locale, l’impegno e il valore di Vincenzo Pirrotta:

“Drammaturgo, regista e attore, per aver raggiunto una piena maturità espressiva ed un’attenzione della critica artistica fuori dalla Città di Partinico e dell’Italia”. Con propria determina il commissario ha deciso di consegnare prossimamente una targa all’artista che già recentemente era tornato nella sua Partinico per ricevere un altro premio.

Nel marzo scorso infatti è stato premiato al teatro “Gianì” come “eccellenza” dalla Fidapa di Partinico, la federazione donne, arti e mestieri. Un riconoscimento che ha voluto sottolineare l’intensa carriera di Pirrotta che come attore e regista ha portato in scena miti e drammi ispirati a Eschilo, Euripide e Pirandello e lavorato al fianco di attori come Anna Proclemer, Piera Degli Esposti, Toni Servillo e Mariano Rigillo.

Allievo di Mimmo Cuticchio, puparo e cantastorie palermitano, Pirrotta è un erede della tradizione dei ‘cuntisti’ e lavora alla perpetuazione di questa arcaica tradizione siciliana con sperimentazioni teatrali e artistiche contemporanee. L’artista tornerà il prossimo 22 dicembre a Partinico al teatro “Gianì” con uno spettacolo in cui interpreterà il nono e dodicesimo canto dell’Iliade.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui