Home NOTIZIE DALL'ITALIA Latina, gatto con la catena al collo lanciato in un giardino: chi...

Latina, gatto con la catena al collo lanciato in un giardino: chi ha compiuto tanta crudeltà?

364
0

Il felino, di circa due anni, si trova ora in una clinica veterinaria con femore e mandibola rotti. L’appello dell’Enpa: “Chi sa, parli”

E’ una scena da film horror quella che una donna di Latina si è ritrovata uscendo in giardino: sangue dappertutto e, seguendo quelle tracce, ha scovato un micio ferito che qualcuno aveva lanciato nella sua proprietà. Il felino, di circa due anni, aveva intorno al collo una catena e femore e mandibola rotti. Una storia di maltrattamento che i volontari dell’Enpa hanno voluto denunciare sui social network con le foto scioccanti dell’animale al momento del ritrovamento. “Abbiamo riflettuto molto prima di pubblicarle – hanno scritto in un lungo post che accompagna le immagini. – Far vedere solo quelle del gatto in clinica, al sicuro, non avrebbe purtroppo sortito ciò che volevamo: denunciare un simile atto e risalire a chi è stato”, “Chi sa, parli”, è l’appello.
Latina, orrore senza fine: gatto lanciato in un giardino con una catena al collo

I fatti – “Questo è un post difficile, come la storia che racconta, – esordiscono i volontari dell’Enpa Latina, denunciando il brutale maltrattamento ai danni del felino. – Chi sa, parli e, chi vuole, regali una nuova vita a questo gatto”.
“Una signora – è il racconto del ritrovamento – ha chiamato il pronto soccorso veterinario per il caso di un micio con quattro giri di catena attorno al collo… Un gatto che… è piovuto dal cielo. Lo spettacolo che si è presentato ai suoi occhi era da film horror: nel giardino della sua abitazione c’era sangue ovunque e seguendo queste tracce è arrivata ad un micio con il muso insanguinato che non poteva muoversi”.
Caccia al colpevole – “E’ stata fatta denuncia e si invita chiunque abbia visto qualcosa che possa essere utile all’individuazione del colpevole a contattarci. Il micio ora sta bene e cerchiamo urgentemente stallo o adozione che gli faccia dimenticare il maltrattamento subito”, si legge ancora nel lungo post.
Con un bagliore di speranza nel finale: “Il micio, nonostante il barbaro trattamento cui è stato sottoposto, è di una dolcezza infinita… E’ incomprensibile, da un punto di vista umano, come queste creature offese, maltrattate, private della loro dignità e sottomesse, costrette a tenere una pesante catena attorno a un esile collo, riescano ancora a fidarsi dell’umano, abbandonandosi fiduciosi a delle mani che potrebbero nuovamente far loro del male. Eppure loro ci riescono perché sono esseri puri, privi di quella cattiveria che ben caratterizza buona parte dell’umanità”.

SOSTIENICI

Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza sanitaria noi di Partinicolive lavorariamo senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulla epidemia di Covid-19.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui