Home CRONACA Partinico, omicidio di Ana. L’ex moglie dell’assassino: “Era un violento, per questo...

Partinico, omicidio di Ana. L’ex moglie dell’assassino: “Era un violento, per questo lo lasciai”

12881
0

“Era un violento, mi alzava le mani e per questo lo lasciai 20 anni fa”. Parole come un macigno quelle di Michelle Arminio, 49 anni, ex moglie di Antonino Borgia, l’imprenditore di 51 anni di Partinico accusato dell’omicidio di Ana Di Piazza, la trentenne di Giardinello trovata senza vita in aperta campagna venerdì scorso letteralmente massacrata da coltellate e bastonate.

Borgia sarebbe stato anche più volte denunciato dall’allora consorte nel 1998 ma non vi fu mai un seguito giudiziario: “All’inizio del nostro rapporto era allegro, anche se vulnerabile ma con il tempo si è rivelato con il suo vero carattere – racconta la Arminio – sino a spingersi ad alzarmi le mani. Si è mostrato prepotente, irruento e poco riflessivo. Quando chiedevo spiegazioni mi diceva ‘io sono un uomo e tu una donna’. Lo denunciai per maltrattamenti e minacce ma tutto cadde in prescrizione”.

Dunque, anche se non ci fu mai un processo, il 51enne imprenditore avrebbe già mostrato questo suo lato caratteriale violento in passato secondo il racconto dell’ex moglie che dice di averlo lasciato proprio per questo motivo: “Rincasava tardi e quando chiedevo spiegazioni diventava violento – aggiunge ancora Michelle Arminio -. La sua famiglia a cui mi sono rivolta lo difendeva e lo giustificava. Quando ho capito che per me e mio figlio davanti c’era questo incubo mi sono separata. Avere delle amanti lo considerava normale. Scoprii che anche quando stava con me aveva altre relazioni. Quando ho saputo dell’omicidio io e mio figlio siamo rimasti sconvolti, sapevamo di questo suo carattere irruento ma non potevamo immaginare che sarebbe arrivato a tanto. Il mio pensiero lo rivolgo alla vittima e al bambino che portava in grembo”.

Gli amici della vittima, che lunedì sera hanno partecipato ad un corteo a Partinico contro il femminicidio in memoria anche di Ana,  confermano che sapevano che fosse incinta ma la giovane non volle farsi aiutare: “Non abbiamo mai capito il perchè fosse così schiva” racconta Giovanni Lodato, ex fidanzato della trentenne di Giardinello. Era proprio lui in testa al corteo partecipato da circa 200 persone che hanno sfidato il maltempo. Il serpentone si è snodato da piazza Municipio ed ha raggiunto piazza Garibaldi, passando da via Crispi e corso dei Mille.

In piazza Garibaldi un piccolo momento di riflessione con il silenzio e poi una poesia letta proprio da Giovanni Lodato, apparso particolarmente scosso come le amiche che conoscevano Ana. Oggi nella chiesa Madre di Giardinello alle 15 di terranno i funerali. La vittima è morta a causa di 10 coltellate che le sono state inferte lungo il busto e sul collo. In grembo aveva un bambino di tre mesi.

Queste le prime evidenze emerse dall’esame autoptico sul corpo della povera ragazza. Tra 40 giorni sarà depositata la perizia medico-legale completa. Nelle motivazioni che ieri hanno portato il Gip di Palermo a lasciare in carcere Borgia c’è proprio l’efferatezza del gesto. In pratica Ana ha sofferto le pene dell’inferno, come oltretutto confermato dal suo stesso assassino che ha raccontato ai carabinieri che la donna era “molto sofferente”.

Nel pomeriggio la nostra testata pubblicherà anche la testimonianza dell’attuale compagna di e del padre di Antonino Borgia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui