Home ENTI LOCALI Alcamo, si sogna una città con auto elettriche: Comune aderisce a “Carta...

Alcamo, si sogna una città con auto elettriche: Comune aderisce a “Carta sull’elettromobilità”

329
0

Il Comune aderisce alla “Carta Metropolitana sull’Elettromobilità”, il documento guida ideato nel 2017 dai grandi Comuni del nord e da importanti società con lo scopo di coinvolgere ed educare le città verso una mobilità più sostenibile e pulita. Un circuito che permetterà di attivare dei percorsi in grado di agganciare fondi regionali o europei per raggiungere l’obiettivo della mobilità sostenibile, mettendo quindi in soffitta il più possibile i veicoli più inquinanti.

La giunta guidata dal sindaco Domenico Surdi ha approvato la propria adesione nell’ottica di migliorare la qualità dell’aria attraverso anche una serie di incentivi (e quindi di investimenti) che invoglino il cittadino a cambiare a sua volta stile di vita. Per

L’amministrazione alcamese una necessità lavorare su questo fronte: “I progressi tecnologici prospettano già a breve veicoli elettrici sempre più performanti e che delineano  nuovi scenari di mobilità in grado di migliorare la qualità dell’aria, – si legge nella delibera – abbattendo le immissioni inquinanti e favorendo l’efficienza energetica”.

La “Carta Metropolitana” è incentrata  su  cinque linee di intervento dirette e concrete per la diffusione della mobilità elettrica in ambito urbano: offrire al consumatore valide motivazioni per il cambiamento culturale; accelerare lo sviluppo di una rete di ricarica accessibile al pubblico; ampliare la possibilità di ricarica negli immobili residenziali e aziendali; dare un forte impulso allo sharing (bici/auto/moto/tricicli e altro) con mezzi elettrici; stimolare l’introduzione di mezzi elettrici nei segmenti di mobilità con maggior efficacia e praticabilità.

I sottoscrittori, quindi da oggi anche Alcamo, si impegnano a coinvolgere lo Stato e le Regioni per la formulazione di un piano organico di azioni di supporto anche nell’ottica dello sviluppo di una filiera italiana. Si solleciteranno: una partecipazione congiunta a programmi comunitari, interventi normativi di carattere nazionale e regionale (ed esempio adeguamento del Codice della Strada , fiscalità nazionale e regionale), informazione e formazione per cittadini e gli studenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui