CRONACAVIDEO

Forestali e lavoratori della formazione in piazza, il video



Ha preso il via a Palermo la manifestazione dei lavoratori forestali e della formazione professionale. Circa mille lavoratori stanno dando vita a un sit-in di protesta contro il governo regionale in piazza Indipendenza, davanti alla sede della presidenza della Regione. “Manca la copertura finanziaria e non ci garantiscono le giornate lavorative – dice Biagio Passanante, uno dei lavoratori forestali in piazza -. A noi dimezzano i turni e poi prendono i canadair da Roma. non ci stiamo”.



Insieme con gli operatori della formazione professionale e i forestali ci sono anche i dipendenti dell’Esa: la protesta culminerà sabato 18 ottobre con la manifestazione regionale Cisl sui temi del lavoro, sempre davanti a Palazzo d’Orleans. Al momento nessuna delegazione dei sindacati è stata ricevuta dal governo. Due i presidi permanenti montati in piazza: dei forestali e dei formatori. Il primo è stato promosso dalla Cisl Scuola e hanno aderito Snals Confsal e Cobas; l’altro organizzato da Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil siciliane. “Gli oltre 8 mila operatori della formazione professionale sono alla fame”, afferma Giovanni Migliore, responsabile Formazione per la Cisl Scuola. “Al governo della Regione chiediamo atti concreti che diano soluzione alla vertenza, su pagamenti e ricollocazioni”.


Il sindacato chiede dunque “soluzioni immediate sulla ripresa delle attività e dei servizi con la relativa ricollocazione dei lavoratori; lo sblocco reale dei pagamenti delle spettanze arretrate e correnti; le risorse e gli strumenti di garanzia del reddito e del lavoro per i lavoratori in attesa ricollocazione per tutti i lavoratori licenziati e sospesi che continuano a rimanere in attesa di risposte per il loro reimpiego”.

Quanto alla protesta dei forestali, ricorda Fabrizio Colonna, segretario della Fai Cisl Sicilia, che è scattata “dopo che ci è stato comunicato, nonostante le reiterate rassicurazioni, che mancano all’appello i 25 milioni necessari a dare garanzie occupazionali minime. Non permetteremo che i lavoratori perdano anche un solo giorno”.
da LiveSicilia

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button