CRONACA

Partinico, incidente stradale: giovane in condizioni critiche



Gravissimo incidente stradale sabato mattina intorno alle sette , nella centrale via Principe Umberto, a Partinico . Coinvolti nello scontro una motoape condotta da un pensionato partinicese di 65 anni , S.G. ed un motociclo guidato da un ragazzo di 30 , R.L.R, anch’egli del luogo. Il giovane a seguito della violenta collisione sarebbe stato sbalzato in aria dal sellino della moto, per poi cadere rovinosamente a terra, dove è rimasto esanime.
Le sue condizioni sono molto critiche: è in prognosi riservata. Trasportato d’urgenza con l’ambulanza del 118 al pronto soccorso dell’ospedale di Partinico, i sanitari dopo i primi soccorsi, constata la gravità del caso , hanno disposto immediatamente il trasferimento del ferito al Civico di Palermo, dove si trova ricoverato in rianimazione.
Il ragazzo ha riportato un grave trauma con fratture multiple al massiccio facciale, una frattura cervicale ed un trauma toracico con fratture costali. Sul luogo dell’incidente, prontamente, è intervenuta la radiomobile dei carabinieri della compagnia di Partinico, che hanno effettuato i rilievi tecnici di rito e che conducono le indagini, per accertare l’esatta dinamica dell’incidente ed eventuali responsabilità. Il ragazzo, che lavora in una concessionaria d’auto della città , era in sella alla sua moto e stava percorrendo tranquillamente la via Principe Umberto, quando per cause ancora in corso di accertamento, sarebbe stato preso in pieno dalla motoape condotta dal pensionato . L’anziano , che contrariamente al giovane , è rimasto illeso, al momento del terribile impatto ,pare che provenisse da una traversa e stesse per immettersi nella centrale e trafficata arteria stradale,verosimilmente senza aver rispettato la precedenza. Una considerazione , questa, al vaglio dei carabinieri, che stanno effettuando, come detto, tutti gli accertamenti , per avere certezze sull’infortunio. I militari dell’arma , intanto hanno posto sotto sequestro sia la motoape che il motociclo.

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button