CRONACA

Carabinieri, controlli del fine settimana, 2 arresti e 42 denunce, anche un minore partinicese



Continua senza sosta, l’azione di contrasto dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo, che nel corso dei servizi tesi al controllo del territorio svolto durante il decorso fine settimana, hanno tratto in arresto due persone e denunciato in stato di libertà altre quarantadue, per vari reati.
Il primo a cadere in trappola, tratto in arresto nella flagranza di reato per“detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”, il giovane LA ROSA Antonino, nato a Palermo appena 20enne, già noto alle forze dell’ordine. Il prevenuto, sottoposto a controllo veniva trovato in possesso di nr. 5 dosi di sostanza stupefacente del tipo “hashish” e nr. 5 dosi di “marijuana” per un totale di 14 grammi e la somma contante pari a€405.00, presumibile provento di illecita attività delittuosa.



Il secondo arresto in ordine,per“furto aggravato e continuato di energia elettrica” di GUIDA Massimo, palermo, commerciante, noto alle forze dell’ordine; essendo stato sorpreso a sottrarre clandestinamente energia elettrica, mediante allaccio abusivo alla rete elettrica Enel, allo scopo di alimentare la propria pizzeria.


Analogamente nel corso dei servizi “stragi del sabato sera” tesi alla sicurezza sulle strade, sono stati deferiti in stato di libertà,42 persone per i reati: ricettazione, evasione dagli arresti domiciliari, occupazione abusiva e danneggiamento aggravato, sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro amministrativo, porto abusivo di arma da punta e taglio, danneggiamento aggravato e guida senza patente.
Denunciato per porto abusivo di arma da punta e taglio un minore di 16 anni nato a Partinico ma residente a Bagheria.
Nel corso dei controlli antidroga, sono stati segnalati al locale U.T.G. “Ufficio Territoriale del Governo” nr. 09 giovani, in quanto accertati “assuntori di sostanze stupefacenti”,con concomitante recupero e sequestro di 12 grammi di hashish.

L’arrestato LA ROSA Antonio è stato associato presso la locale casa circondariale “Ucciardone”, mentre GUIDA Massimo è stato collocato alla detenzione domiciliare, in attesa rito direttissimo fissato per la giornata di ieri, si è concluso con la convalida dell’arresto, rimesso in libertà.

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button