CRONACA

Partinico, furto in appartamento, applausi ai Carabinieri ma già in libertà le tre donne



Sono tornate in libertà le tre rom gravide, arrestate ieri dai carabinieri, dopo essere state sorprese in una Palazzina di Largo Modica in cui avevano svaligiato un appartamento. Due di loro sono state processate per direttissima questa mattina : entrambe hanno patteggiato 2 anni di reclusione, pena sospesa, e 400 euro di multa a testa. La terza complice attualmente si trova in ospedale in attesa di partorire. Il suo processo slitta a dopo la nascita del suo bambino. Per loro l’accusa è di “concorso in furto aggravato in abitazione”.
Secondo alcune indiscrezioni, le presunte ladre di appartamento avrebbero messo a segno altri colpi nelle ultime settimane in città, ed uno di questi avrebbe interessato una giovane coppia che vive nei pressi dell’ospedale civico, a cui hanno ripulito l’appartamento, privandolo anche del corredino del loro nascituro.



I due coniugi, dopo essersi accorti del furto subito, avrebbero visionato la registrazione di un impianto di videosorveglianza installato da un vicino di casa e le immagini avrebbero mostrato che nella loro casa si fossero introdotte tre donne, la cui descrizione corrisponderebbe a quelle finite in manette ieri.

Inoltre, un nostro telespettatore e lettore che risiede a Montelepre, dopo avere visto il filmato dell’arresto di ieri, ha riconosciuto le rom in stato di gravidanza, perché avvistate nel proprio condominio la scorsa settimana. L’uomo ci ha riferito di averle notate, con fare sospetto, sulle scale al buio, del palazzo in cui vive e che, alla sua domanda di sapere chi stessero cercando, avrebbero evasivamente risposto di essere attese da una signora che gli avrebbe dovuto donare dei vestiti.

Non convinto delle loro affermazioni e rimasto ad ascoltare i loro movimenti, l’uomo ha deciso di allertare i vicini. Sentendosi braccate, le rom sono uscite immediatamente dal palazzo.

Le ladre sono state sorprese dai carabinieri, ieri intorno alle 13, all’interno di una palazzina di Largo Modica, da cui stavano fuggendo dopo avere svaligiato un appartamento. Si erano intrufolate nel condomino, dove il portone era stato lasciato aperto, per consentire l’accesso ad una veglia funebre in corso al primo piano dell’edificio. Noncuranti del lutto che una delle famiglie stesse vivendo, le malviventi hanno raggiunto il terzo piano e approfittando dell’assenza dei proprietari, sono entrate nell’abitazione facendo razzia di soldi, oro e preziosi. Ma i rumori provenienti dall’appartamento hanno stranito le persone riunite nella camera ardente in cui dominava il silenzio.

A questo punto, una di loro ha telefonato al 112. Nel giro di pochi secondi sul posto sono intervenute, a sirene spiegate, due gazzelle dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Partinico, sorprendendo le tre donne con refurtiva al seguito, mentre tentavano di guadagnarsi l’uscita dal palazzo. L’episodio ha inevitabilmente provocato la reazione dei presenti che hanno applaudito le forze dell’ordine per l’arresto compiuto ed insultato le nomadi per avere approfittato del lutto dei residenti per compiere il furto.
IL VIDEO DEGLI ARRESTI E APPLAUSI AI CARABINIERI

play-rounded-fill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.