Home CRONACA Partinico, a 15 anni rischia di morire annegato nella spiaggia di Balestrate:...

Partinico, a 15 anni rischia di morire annegato nella spiaggia di Balestrate: lo salva un medico-turista

714
0

Ha rischiato di annegare un ragazzo di 15 anni di Partinico nel mare di Balestrate. Una storia a lieto fine fortunatamente la sua, grazie alla prontezza di riflessi dei bagnini, a quella di un medico inglese che si trovava in spiaggia in vacanza e ai sanitari dell’ospedale Civico di Partinico. Un mix di contributi che ha permesso di strappare alla morte un giovane che ha seriamente rischiato di perdere la vita per una di quelle solite bravate  tra adolescenti che spesso si pagano anche a caro prezzo.

Infatti pare che il quindicenne si sia tuffato in acqua allontanandosi persino dalla riva pur non sapendo nuotare. In spiaggia era andato con un amico per passare una tranquilla giornata che davvero per un soffio non si è trasformata in un incubo. Tutto è cominciato quando il ragazzo con il suo coetaneo si è recato su una delle tante spiagge del lungomare ovest di Balestrate.

Una giornata che sembrava come tante solo che questa volta il minorenne ha anche osato troppo. Pur non avendo una particolare dimestichezza con l’acqua si è tuffato spingendosi troppo lontano dalla riva sino a non toccare più il fondale con i piedi. Secondo le testimonianze raccolte da alcuni bagnanti il ragazzo ha cominciato ad annaspare sino a non emergere più: in pratica, pur provando con qualche confusa bracciata, non è riuscito nel suo intento di far ritorno a riva.

Immediatamente l’amico, andato nel panico, ha lanciato l’allarme e in pochissimi secondi i bagnini, che avevano nei pressi una loro postazione, sono intervenuti gettandosi in acqua e riuscendo a recuperare il ragazzo che oramai aveva perso conoscenza. La buona sorte ha voluto che lì, in quel tratto di spiaggia, ad assistere alla scena ci fosse proprio un turista inglese di professione medico e per di più specializzato in rianimazione.

In attesa dell’arrivo dell’ambulanza, che in pochi istanti si è fatta trovare pronta a trasportare il giovane, il dottore ha cominciato a fare qualche massaggio cardiaco accorgendosi che il battito praticamente non c’era quasi più. Poi la corsa verso l’ospedale Civico di Partinico: nel tragitto il 15enne è stato dotato di mascherina di ossigeno nel tentativo di riattivare a regime la funzione respiratoria che era stata compromessa in parte dall’acqua che aveva ingurgitato.

Giunto al nosocomio in codice rosso il ragazzo inizialmente era stato dato quasi per spacciato: “Il primo prelievo fatto attraverso emogasanalisi – racconta il responsabile del pronto soccorso dell’ospedale Civico, Enzo Provenzano – faceva emergere dei dati di sostanziale decesso. Il lavoro fatto dall’equipe medica e paramedica dell’ospedale, seppur in condizioni disperate, ha permesso di strapparlo alla morte”.

Nell’arco di qualche ora il 15enne ha ripreso conoscenza e a ricominciato a parlare, ed è stato quindi anche scongiurato il rischio del danno cerebrale: “Sicuramente i bagnini e il medico in spiaggia sono stati provvidenziali – aggiunge Provenzano -, il resto lo ha fatto il personale del nostro ospedale che si è fatto trovare pronto anche per questa emergenza”.

SOSTIENICI

Caro lettore, Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e che ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui