AMBIENTEPRIMO PIANO

Terrasini, la Regione ipotizza la creazione di un centro di stoccaggio dei rifiuti: si mobilita la città



Il prossimo 13 settembre si dovrebbe tenere al dipartimento Acque e rifiuti l’ultima conferenza di servizi per la creazione di un centro di stoccaggio a Terrasini. Iter progettuale che sino ad oggi è andato avanti quasi nel totale silenzio.



Per l’atto finale però la cittadina terrasinese farà sentire la sua voce: è stato organizzato proprio davanti la sede del dipartimento regionale, in viale Campania a Palermo, un sit-in di protesta per dire alla realizzazione di un impianto del genere in un territorio a vocazione turistica.

L’iniziativa è portata avanti dall’Assise civica dei comitati e movimenti di Terrasini che raggruppa diverse realtà locali: Forum Ambiente Cala Rossa, Associazione culturale Peppino Impastato, Movimento 5 Stelle Terrasini, Comitato cittadino Centro Storico, Terrasini in Movimento 2030, Comitato cittadini per l’Ambiente e tanti altri associazioni e movimenti.

Il centro nascerebbe su iniziativa della ditta Edil Ambiente srl che ha progettato una stazione di stoccaggio e compostaggio dei rifiuti. Per grandi linee la stessa struttura della ditta D’Angelo sorta ad Alcamo e che nel luglio scorso è andata distrutta da un devastante incendio che ha creato un’enorme nube nera. La consigliere a comunale del M5S di Terrasini, Eva Deak, chiama tutti a raccolta: chiede la partecipazione al sit-in del 13 settembre di tutta l’amministrazione, il consiglio e addirittura degli oltre 200 candidati alle scorse elezioni amministrative, oltre che del mondo dell’associazionismo e dell’ambientalismo.

“Terrasini, ora devi dire no ai rifiuti con la tua presenza – afferma Eva Deak -. Basta con le indignazioni su facebook, ora serve la presenza di tutti davanti l’assessorato per manifestare contro i rifiuti nel nostro paese. Vogliamo vivere di turismo, non di rifiuti”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.