POLITICAPRIMO PIANO

Partinico, amministrative: quinta candidatura a sindaco, ecco Maria Grazia Motisi



In attesa che anche il centrodestra sciolga le sue ultime conflittualità interne, viene fuori il quinto candidato sindaco in vista delle prossime elezioni amministrative. In un documento unitario ben 5 movimenti civici (L’alternativa, Idea Comune, E’ ora di cambiare, Progetto comune e Giovani meetup Partinico) hanno deciso di sostenere la candidatura a primo cittadino di Maria Grazia Motisi (nella foto), 50 anni, laureata in Scienze politiche, mediatore professionista, consigliere comunale uscente.



Il suo nome da tempo “covava” insieme a quello di Totò Governanti, anche lui consigliere uscente della stessa estrazione civica: “Dopo un ampio e approfondito dibattito sulla grave situazione economico-sociale del Comune – si legge nella nota sottoscritta dai 5 movimenti civici – e dopo aver condiviso i punti programmatici che si sono prefissati per risollevare le sorti della città, queste liste civiche hanno trovato sintesi nella persona della dottoressa Maria Grazia Motisi come candidato a sindaco, rimanendo aperti al dialogo con tutte le forze sane della città”.

Attorno a questa scelta si è verificato uno strappo interno ai movimenti “Idea Comune” e “E’ ora di cambiare” con diversi esponenti di spicco, come l’ex consigliere Toti Comito e l’ex assessore Enzo Paradiso, ad aver abbandonato questi progetti per appoggiare De Luca: “Questo documento fatto dalle liste che sostengono la Motisi – dice polemicamente Comito – certifica, aldilà di ogni ragionevole dubbio, le trattative sottobanco portate avanti dal gatto, la volpe e il leprotto. Basti notare la firma della Motisi accanto a un simbolo diverso rispetto a quello di  ‘Idea comune’, gruppo costituitosi a dicembre scorso. In politica questo documento si chiama ‘esca’. Trattasi di contenitori vuoti per far credere di essere forti nel tentativo che qualcuno abbocchi. Finora hanno abboccato solo i dissidenti 5 stelle. Non credo che abboccheranno altri”.

A spiccare tra le liste, per l’appunto, quella dei “Giovani meetup Partinico” che sarebbero i transfughi del Movimento 5 Stelle con cui si è verificata una rottura poco prima delle elezioni nazionali. A questo punto resta l’ultima candidatura da ufficializzare, ed è quella in quota centrodestra, salvo colpi di scena: pare che comunque le segreterie provinciali a Palermo di Forza Italia, Udc, Diventerà Bellissima, Fratelli d’Italia e Idea Sicilia abbiano dato il loro benestare alla scelta dell’architetto Maurizio De Luca chiedendo l’impegno della base locale a compattarsi su tale scelta dopo il ritiro del primo candidato prescelto, il medico Nicola Lo Biundo, costretto a fare un passo indietro per ragioni di natura familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.