Home CRONACA Partinico, pestaggio a migranti: nel “branco” anche donne, la ricostruzione della Procura

Partinico, pestaggio a migranti: nel “branco” anche donne, la ricostruzione della Procura

645
0

La Procura di Palermo fa sempre più luce attorno alla triste notte di Ferragosto in cui è avvenuto il pestaggio di alcuni migranti ospiti di una comunità, inseguiti dalla spiaggia Ciammarita di Trappeto sino a Partinico.

Secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica tra i “selvaggi picchiatori” viene fuori anche la particolare ferocia di una donna: sarebbe stata proprio lei a ferire pesantemente un giovane del Gambia con una sassata in testa, tanto da procurargli lesioni giudicate guaribili in 20 giorni.

Ad essere state trovate, almeno si presume, le mazze da baseball utilizzate quella notte per la spedizione punitiva nei confronti degli extracomunitari. A trovarle i carabinieri, sempre secondo quanto riporta Repubblica, in casa di uno degli indagati. Al momento risultano essere denunciate tre persone, su una quarta ci sono valutazioni in corso: per loro l’accusa è di lesioni aggravate dall’odio razziale.

Il “branco”, però, sarebbe composto da più persone: in alcuni casi si tratta di pregiudicati, addirittura fra loro anche una persona sottoposta alla misura della sorveglianza speciale.

© Produzione riservata VIETATA LA RIPUBBLICAZIONE

SOSTIENICI

Caro lettore, Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e che ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui