AMBIENTEENTI LOCALIPRIMO PIANO

Partinico, “città sporca”: il sindaco avvia procedure per rescissione appalto a ditta rifiuti



Troppi disservizi nella raccolta dei rifiuti. La denuncia è del sindaco di Partinico Maurizio De Luca che torna a puntare il dito sulla ditta a cui è stato affidato l’appalto per la fornitura dei mezzi adibiti alla raccolta, la Cogesi, e questa volta pare per mettere la parola fine al rapporto tra le parti. Il primo cittadino ha infatti preannunciato di aver avviato le procedure per rescindere il contratto con la ditta.



“La polizia municipale – afferma De Luca – ha riscontrato gravi inadempienze nella fornitura dei mezzi a nolo da parte della ditta Cogesi per il servizio di raccolta rifiuti. Per queste ragioni ho chiesto agli uffici competenti di avviare le procedure per la rescissione del contratto. Non è più possibile pagare per avere una città sporca. La relazione di servizio predisposta dai vigili urbani che elenca i gravi disservizi che si sono verificati a Partinico negli ultimi giorni, è stata trasmessa al responsabile del settore Servizi ambientali e Lavori pubblici Giuseppe Gallo, a cui ho dato mandato di avviare tutti gli atti necessari, al fine di valutare la risoluzione immediata del contratto e la contestuale indizione di una nuova procedura di gara”.

Con la Cogesi c’è già un pesantissimo precedente di appena un paio di mesi fa. Il sindaco fece una conferenza stampa, al fianco dell’assessore regionale all’Energia Alberto Pierobon, in cui disse di aver presentato una denuncia in cui si “documentava” che un camion della ditta Cogesi era stato sorpreso a scaricare tutto il carico di rifiuti raccolti in contrada Giambruno.

Ci fu la secca smentita dei legali della stessa ditta che sostennero che il camion fotografato non apparteneva alla ditta, con tanto di minacce di querele. Oggi quest’ulteriore presa di posizione di De Luca a conferma che i rapporti sono sempre rimasti tesi ad oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.