CRONACAPRIMO PIANO

Partinico, furto nel centro vaccinazioni di via Siracusa: portato via il computer



Furto all’interno dei locali dell’Asp di Palermo in via Siracusa a Partinico, dove si trova il centro di vaccinazioni. Qualcuno due notti fa è penetrato all’interno dell’immobile portando via l’unica postazione di computer presente al piano terra. All’interno del pc trafugato si trovavano tutti i dati relativi alle vaccinazioni effettuate dalla struttura. I vertici della direzione locale hanno sporto denuncia al commissariato di polizia della città.



Secondo i primi accertamenti ignoti sono entrati all’interno da una finestra che è stata forzata su via Siracusa. Non è stato difficile poter entrare anche perchè l’infisso è molto datato e quindi è stato facilmente divelto. Una volta dentro i malintenzionati hanno portato via l’unico computer che era in dotazione in tutta la struttura. Per il resto non è stato toccato nulla anche perchè c’era poco altro se non varie suppellettili e i faldoni dei documenti cartacei che vengono archiviati.

Nessun problema riguardo ai dati che erano contenuti all’interno del computer: sono tutti recuperati grazie al fatto che il pc di questa struttura era collegato in rete con altri aziendali. Fortunatamente l’autore del furto si è limitato solo a questo furto e non ha commesso atti di vandalismo, come magari successo in passato in altre strutture pubbliche.

Ad aver presentato denuncia alla polizia è stato Giuseppe Motisi, responsabile dell’Unità Operativa Territoriale di Partinico: “Da quel che è stato possibile ricostruire – afferma – ignoti sono entrati dalla finestra e hanno rubato questo pc, l’unica cosa di valore che era contenuta nell’immobile”. Proprio nei giorni scorsi un altro furto è stato commesso in una struttura pubblica, gli uffici comunali dell’urbanistica e Lavori pubblici di viale Regione. Qui i ladri hanno portato via soltanto due monitor e causato vari danni agli infissi e alle suppellettili all’interno dell’edificio. Per questo episodio è stata sporta denuncia alla locale stazione dei carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.