Home CRONACA Alcamo, maltrattamenti in famiglia: giovane denuncia l’ex compagna

Alcamo, maltrattamenti in famiglia: giovane denuncia l’ex compagna

2484
0

Indagano i carabinieri su un caso di maltrattamenti in famiglia ad Alcamo. A denunciare tutto alla stazione dei militari dell’Arma è stato G.C., 19 anni. Accusa la sua oramai ex compagna, la coetanea B.P., con cui ha convissuto sino a qualche giorno fa, di averlo aggredito più volte e lo stesso avrebbe fatto con la figlia di appena 9 mesi. Accuse per cui, comunque, non ci sono referti ospedalieri, quindi saranno tutte da provare. La giovane ha deciso di andare via di casa e di portarsi dietro la bambina, al culmine dell’ennesimo litigio.

Intenzione che era stata già espressa dalla stessa ragazza nei giorni scorsi, secondo quanto ha raccontato l’ex compagno. Al momento l’unica denuncia in questa triste vicenda è quella di G.C. con all’orizzonte l’inizio di una battaglia legale per l’affidamento della figlia. Secondo quanto ha evidenziato il 19enne, la fine del rapporto si sarebbe consumato proprio per la serie di atti di violenza che sarebbero stati manifestati in questo travagliato periodo di convivenza, iniziato in corrispondenza proprio della nascita della figlia.

Pare che sia stato il padre della ragazza, sempre secondo quanto viene riportato della denuncia, ad aver annunciato la fine dei rapporti con la famiglia dell’ex convivente: “Non ci interessa più nulla della vostra famiglia, non fatevi più sentire” avrebbe detto. G.C. ha raccontato ai carabinieri la difficile convivenza con la compagna e i pericoli corsi sia da lui che dalla figlioletta in questo lasso di tempo. Ovviamente tutti fatti che dovranno essere accertati dalle indagini dal momento che per l’appunto non vi sono referti medici che attestano queste presunte violenze.

“Il rapporto è sempre stato problematico – denuncia G.C. – in quanto la mia compagna si è sempre disinteressata di nostra figlia. A me personalmente mi ha alzato sempre le mani con morsi e schiaffi, una volta mi ha puntato il coltello sulla pancia, un’altra volta mi ha lanciato un posacenere”. Sempre il denunciante sostiene che le liti scaturivano dal fatto che lui, rientrando in casa, lamentava che la compagna non facesse alcun lavoro casalingo.

Ci sarebbero state aggressioni anche alla bambina: “Quando piange la scuote forte – sostiene G.C. – lasciandole anche dei segnali sulle braccia”. Ai carabinieri è stato inoltre denunciato che la ragazza è solita uscire da sola e facendo abuso di alcolici.

SOSTIENICI

Caro lettore, Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e che ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui