ENTI LOCALIPRIMO PIANOTRIBUTI

Alcamo, scadenza Imu alle porte: novità per le aree edificabili, riviste le aliquote



Si avvicina la scadenza per il pagamento del saldo Imu, fissato al prossimo 16 dicembre, e quest’anno ad Alcamo ci sono importanti novità. Infatti per la prima volta si andranno ad applicare per il calcolo delle tariffe dei nuovi coefficienti per quanto concerne le aree edificabili, sia per uso abitativo che per uso commerciale. Ci sono importanti abbattimenti rispetto agli anni precedenti, che sono certamente più rimarcati per aree edificabili per attività produttiva.



In questi specifici casi i nuovi parametri permettono un taglio anche del 75 per cento rispetto a quanto si pagava sino all’anno scorso. Al ribasso anche le tariffe per le aree residenziali anche se la differenza incide sicuramente molto meno.

Tutto questo è stato possibile per effetto di un lavoro tra uffici, amministrazione e consiglio comunale che lo scorso anno ha portato all’approvazione di queste modifiche. Il nocciolo è stato quello di rideterminare i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, con una funzione di ausilio e orientamento per il contribuente e per l’ufficio tributi, nell’individuazione della base imponibile per il calcolo dell’imposta e nel conseguimento dell’obiettivo di ridurre il sorgere di contenzioso tra il contribuente e l’ente.

Infatti, tante erano state le segnalazioni al Comune per una presunta errata applicazione dei valori Imu per queste specifiche aree che di fatto non erano utilizzate. Ad essere stati adottati dei criteri di calcolo estimativi ai fini della determinazione della base imponibile per il calcolo dell’Imu, basati su elementi tecnicamente e concretamente fondati.

Il tutto calato a sua volta sui valori che nel 2004 furono stabiliti dall’allora giunta municipale sulla base dei valori venali in comune commercio delle aree edificabili site nel territorio comunale, avvalendosi del supporto di società esterna. Soddisfatto il vicepresidente del consiglio comunale Gino Pitò che sin dal suo insediamento ne ha fatto una battaglia al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.