PRIMO PIANOPUBBLICA ISTRUZIONE

Partinico, l’istituto alberghiero brilla ancora: oro ad un concorso on line



Primo oro dell’anno all’istituto superiore alberghiero “Danilo Dolci” con la performance di Samuele Porcasi al concorso on line “Sosteniamo in cucina”. Preparato dal coach Ignazio Interrante, lo studente ha partecipato alla gara gastronomica che ha visto coinvolti numerosi iscritti degli istituti alberghieri siciliani, promossa ed organizzata all’associazione provinciale cuochi e pasticceri di Palermo.



Samuele Porcasi ha partecipato inserito nella categoria “main course” ed ha trionfato con il piatto “Tra Mare e Terra”. Una pietanza raffinata che ha convinto gli chef della giuria, Giacomo Perna, Antonio Tantillo, Mario Puccio, Giovanni Porretto, Gaetano Megna e Ciccio Giuliano. Il piatto era composto da una rollatina di tonno e merluzzo con polvere di pomodoro su bisque di gambero rosso e cicala di mare, il tutto condito con vegetali ad accompagnare un bon bon di gamberetto rosa e una quenelle di mela in vaso cottura.

Questo è il risultato di diverse tecniche di  cottura rapide e di differenti consistenze. “Abbiamo voluto, fondamentalmente, valorizzare il nostro pesce ed i prodotti della terra – sostiene il coach Ignazio Interrante – proprio per promuovere l’educazione alla sostenibilità in cucina ed avviare un processo di lotta allo spreco”.

“È sempre motivo di gioia raccogliere di queste soddisfazioni – ha aggiunto il dirigente Gioacchino Chimenti -. La vittoria di Samuele è la vittoria di tutto lo staff che lo ha preparato, dal prof Interrante a tutti coloro che hanno collaborato durante le esercitazioni in vista della gara sono orgoglioso dei risultati sino ad oggi raggiunti. Il ‘Danilo Dolci’ ha al suo attivo tante vittorie  e lavora indefessamente per continuare a collezionarne, guardando sempre avanti e cercando di innescare meccanismi comportamentali virtuosi che aiutino i nostri ragazzi a crescere con consapevole rispetto per l’ambiente e la società tutta. Puntare alla sostenibilità in cucina, partendo già dall’interno dei nostri laboratori di cucina, è un atto di ampio respiro che  avrà considerevoli ricadute sociali sia nell’immediato che a lungo raggio. Non posso che essere fiero e ringraziare tutti per l’impegno profuso. Ad maiora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.