Home CRONACA Castellammare del Golfo, finge una rapina in casa per non pagare un...

Castellammare del Golfo, finge una rapina in casa per non pagare un debito: ora è nei guai

1693
0

Ha un debito e per non onorarlo, e prendere ancora tempo, simula di essere stato vittima di una rapina. A scoprire tutto, però, la polizia che lo ha denunciato per “simulazione di reato”. Non è riuscito nel suo intento M.T., 30 anni di Castellammare del Golfo, che adesso rischia di finire sotto processo: gli inquirenti gli hanno infatti contestualmente notificato l’avviso di conclusione indagini che, generalmente, sono l’anticamera del rinvio a giudizio.

Un’indagine che era partita il 16 maggio dello scorso anno quanto M.T. si presenta in commissariato a Castellammare per denunciare di essere stato vittima di una rapina. Agli agenti raccontò che quella sera stessa  due persone non identificate si introdussero in casa sua e lo minacciarono di consegnare tutto il denaro custodito all’interno dell’appartamento. Nel suo racconto, rivelatosi fasullo, il giovane sostenne che inizialmente si rifiutò e per questo uno dei due malviventi gli avrebbe sferrato un fendente al braccio sinistro con un coltello.

Ferita che veniva effettivamente curata al pronto soccorso dell’ospedale di Alcamo. Successivamente a tale aggressione T.M. disse agli agenti di avere consegnato la somma di 150 euro ai malviventi che, a suo dire, si dileguavano a piedi per le vie del centro cittadino castellammarese.

Il trentenne oltretutto indirizzò le indagini verso  soggetti di etnia verosimilmente dell’Est Europa. Tuttavia le attività investigative del commissariato non approdarono a nessun elemento di riscontro rispetto a quanto dichiarato dalla  presunta vittima. Infatti, scandagliando nel dettaglio tutti gli elementi che erano stati raccolti dalla denuncia, i poliziotti coordinati dalla  Procura di Trapani evidenziarono numerose discrasie e illogicità.

Ciò ha quindi permesso alla polizia di cristallizzare  chiari, precisi e concordanti indizi che non si trattò di rapina a mano armata ma di simulazione  di reato, verosimilmente motivata dall’intenzione di T.M. di non onorare, almeno in parte,  un debito economico verso una conoscente. Per questi motivi, a conclusione  delle indagini, il giovane è stato denunciato in stato di libertà e raggiunto da un avviso di conclusione di indagini preliminari con contestuale  informazione di garanzia.

SOSTIENICI

Caro lettore, Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e che ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui