Home AMBIENTE Trappeto, pugno duro contro chi abbandona rifiuti: il bilancio delle multe

Trappeto, pugno duro contro chi abbandona rifiuti: il bilancio delle multe

985
0

Sei multe per abbandono rifiuti. E’ il bilancio recente dell’attività delle telecamere installate dal Comune in tutto il territorio di Trappeto, alcune delle quali mobili e dunque con opzione di spostarle periodicamente. In azione le cosiddette telecamere e-killer che non danno scampo agli sporcaccioni, inchiodati con le loro auto o anche a piedi mentre gettano rifiuti per strada, ignari di non potere sfuggire all’occhio elettronico mentre li sta immortalando.

In questi giorni il governo cittadino ha pubblicato, nel rispetto della privacy, alcune immagini di questi cittadini mentre vengono beccati. L’obiettivo è quello di dare un segnale a residenti, turisti e villeggianti di stare attenti a rispettare l’ambiente altrimenti per loro non ci sarà scampo.

“Continua il nostro percorso – afferma il sindaco Santo Cosentino – contro chi ancora oggi non hanno perso le cattive abitudini di abbandonare la spazzatura nel nostro territorio. La tutela e la salvaguardia del nostro territorio è uno degli obbiettivi che porteremo avanti sempre e che difenderemo a discapito degli incivili”. In arrivo oltretutto un nuovo potenziamento delle postazioni che saranno video sorvegliate: “Stiamo provvedendo a posizionarne altre ancora – aggiunge il primo cittadino -. Il video che abbiamo pubblicato con alcuni dei multati lo dedichiamo a tutti coloro che collaborano a fare correttamente la raccolta differenziata, testimoniando il rispetto per il proprio paese”.

Da evidenziare che il Comune di Trappeto dal 2018 al 2020 ha multato ben 140 persone con sanzioni pesantissime proprio per l’abbandono dei rifiuti: l’ordinanza del primo cittadino, in vigore da qualche tempo, prevede sanzioni da 30 a 500 euro, a seconda della tipologia di infrazione. In caso di abbandono di rifiuti pericolosi o speciali si rischia anche la denuncia.

La polizia municipale ha messo in campo un sistema di controlli “fisici” con l’ulteriore aiuto della tecnologia. Le prime ad entrare in funzione sono state le telecamere fototrappola, di piccola dimensione e ad alta definizione che si mimetizzano e riescono a immortalare lo sporcaccione e la targa del veicolo utilizzato.

Per scoraggiare i malintenzionati del “lancio del sacchetto” il sindaco ha nel frattempo a che inasprito le misure sanzionatorie. Per chi abbandona rifiuti, sfalci di potatura, sacchetti nei cestini, detriti o fluidi e ingombranti la sanzione sarà sino ad un tetto massimo di 500 euro.

Stessa identica misura prevista per chi farà penzolare i rifiuti dai balconi, per chi non separa correttamente la spazzatura o per chi non espone il sacchetto negli orari stabiliti. Un  verbale sino a 150 euro si rischia per chi intralcia l’operato degli operai addetti alla raccolta, per chi conferisce in sacchetti non conformi (niente sacchi neri e solo biodegradabili per l’umido) o ancora per chi deposita sacchetti davanti altre abitazioni che non sia quella di propria residenza.

SOSTIENICI

Caro lettore, Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e che ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui