Home ACQUA A Carini è emergenza idrica, più acqua dal Poma ma stop all’uso...

A Carini è emergenza idrica, più acqua dal Poma ma stop all’uso indiscriminato

604
0

L’Ato Idrico si appresta ad autorizzare la fornitura di 5 litri di acqua al secondo in più per Carini. Arriveranno dall’invaso Poma in seguito ad una richiesta avanzata dal Comune carinese per via dell’emergenza scoppiata in alcune zone della città.

“Da giorni riceviamo lamentele relative all’approvvigionamento idrico dalle zone delle vie Don Sturzo, Berlinguer e zona Piraineto – afferma il sindaco Giovi Monteleone -. La crisi idrica coinvolge Sori e Amap (le due società che hanno in gestione la rete idrica carinese, ndr) praticamente in egual misura. Ci sono delle carenze di ordine infrastrutturale è vero, ma la preoccupazione riguarda la consistente diminuzione della portata degli Acquedotti. In sostanza abbiamo molta meno acqua disponibile rispetto al passato”. Per affrontare tempestivamente l’emergenza il Comune ha indetto una conferenza di servizio che si è svolta ieri tra Amap, Sori, Ato Idrico e amministrazione comunale.

“Tralasciando, ma non troppo, le cause esterne che determinano la diminuzione della portata d’acqua, su tutte crisi climatica e incremento demografico a Carini, si tratta di capire come intervenire tempestivamente – continua Monteleone – ed è per questo che abbiamo chiesto all’Ato Idrico 5 litri di acqua in più al secondo dal Poma, da immettere nella rete Sori per gestire le emergenze nelle zone più colpite, mentre l’Amap interverrà con la realizzazione dell’adduttore da Ponticelli per portare acqua al serbatoio di contrada Sofia e incrementare la fornitura nel centro storico”.

Ma resta anche, più importante su qualunque altra cosa, l’esigenza di cambiare il modo di abitare Carini. Infatti, conferma lo stesso sindaco, gli uffici stanno predisponendo l’ordinanza, da più parti richiesta, che disciplina l’uso dell’acqua potabile. In sintesi, non è più possibile utilizzare la risorsa idrica per riempire le piscine o per irrigare il giardino. Il motivo è semplice, per avere l’acqua dai rubinetti bisogna toglierla alle piscine.

“Ma non basta, d’ora in avanti le richieste di autorizzazione per le nuove lottizzazioni – precisa Monteleone – dovranno essere accompagnate dal documento richiesto agli enti preposti, ovvero Ato Idrico, Sori e Amap, che dovranno certificare la capacità di approvvigionamento per i nuovi insediamenti abitativi. Dobbiamo cambiare abitudini tutti e in egual misura e questo riguarda il modo in cui alcuni gestiscono i rifiuti, così come l’acqua. Nei prossimi giorni la fornitura idrica verrà rimpinguata di 5 litri al secondo e i problemi di approvvigionamento diminuiranno, ma bisogna anche attrezzarsi e imparare a consumare meno acqua per usi non domestici”.

SOSTIENICI

Caro lettore, Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito e che ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!“

5,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione tramite bonifico segui queste semplici istruzioni:

  1. Inserisci il seguente IBAN tramite home banking o andando in banca: IT71X0200804690000105100968
  2. Inserisci come causale: donazione partinicolive
  3. scegli l'importo che desideri donarci

 

Nel ringraziarti ti ricordiamo che tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Totale Donazione: €5,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui