ACQUAPRIMO PIANO

Carini assetata, condotte a pezzi e boom demografico i “colpevoli” dell’emergenza idrica



Condotte idriche vetuste e aumento esponenziale demografico. Sono essenzialmente questi i due grandi problemi che si intrecciano tra loro e che stanno mettendo in ginocchio Carini. E’ emerso nel corso di un confronto che si è tenuto tra l’Amap, la Sori, entrambe società che gestiscono il servizio idrico in città, l’Ati idrico e il Comune. Sono stati gli stessi vertici della municipalizzata a evidenziare che allo stato attuale vi sono delle forti criticità che sono frutto di queste due distinte questioni.



Da una parte c’è un incredibile aumento di residenti, stimato dall’Amap addirittura in circa mille persone l’anno. Questo ovviamente comporta la necessità di un maggior fabbisogno idrico a Carini. C’è poi l’eterno problema delle condotte vetuste, in alcuni casi vecchie anche da mezzo secolo. Le frequenti rotture finiscono per disperdere importanti risorse idriche e di conseguenza l’apporto nelle abitazioni non è efficiente.


Amap ha comunque evidenziato che molti lavori sono stati fatti proprio per migliorare l’infrastrutturazione. Soltanto in questo 2021 è stato portato un resoconto di ben 170 interventi sulla rete idrica comunale, segno di una vetustà e inadeguatezza delle condotte che in realtà andrebbe rifatte del tutto. Tra le aree oggetto di intervento la via Marcianò e le zone limitrofe, oltre che il potenziamento dell’adduttore al serbatoio idrico di Villagrazia: in entrambe i casi si sono risolte del tutto le ultra decennali criticità di approvvigionamento.  Inoltre sono prossimi i lavori del prolungamento della condotta derivata dall’adduttore Jato dall’appresamento di via Ponticelli al serbatoio Sofìa: questo dovrebbe consentire un maggiore apporto idrico e una migliore qualità dell’acqua nel centro storico di Carini.

Oltretutto l’Amap ha assicurato che sta redigendo dei progetti di ristrutturazione dell’intera rete idrica e in tal senso si vuol puntare forte all’idea di agganciare i fondi del Pnrr. “Nell’attesa della ristrutturazione dell’intera rete – afferma il sindaco Giovì Monteleone – ho insistito per avere un cronoprogramma dei lavori di ristrutturazione delle reti dove si registrano maggiori criticità e un immediato intervento nei casi di urgenza. Il responsabile territoriale mi ha assicurato che quanto prima mi consegnerà il calendario dei lavori e le zone d’intervento. Si è anche convenuto di attuare una proficua collaborazione, nell’interesse degli utenti, tra Amap e Sori nell’attesa della transizione dell’acquedotto Sori al gestore unico Amap”. In previsione anche la riapertura dello sportello Amap a carini prossimamente. Intanto per eventuali segnalazioni di disservizi si potrà chiamare il numero verde dedicato Amap 800/050911 o fare riferimento al sito ufficiale Amap https://www.amapspa.it/it/segnalazioni/.

 

 

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button