CRONACAPRIMO PIANO

Partinico, quanta indisciplina nelle strade, nel 2021 al ritmo di 10 multe al giorno



Automobilisti e centauri indisciplinati a Partinico. Ma anche mattone selvaggio, commercio abusivo e contrasto al randagismo. Tutti fenomeni che nell’anno appena trascorso hanno avuto un peso nella vita quotidiana della città. Ne sono testimonianza i numeri che arrivano dal comando di polizia municipale che parlano di migliaia di controlli, verbali e accertamenti.



A cominciare dalle irregolarità riscontrate sul fronte del rispetto del codice della strade: ben 3.600 le infrazioni rilevate e 255 mila euro di sanzioni, con una media di quasi 10 multe e circa 700 euro di sanzioni al giorno. Numeri enormi se si considera che il comando lotta oramai da tempo con le croniche carenze d’organico: “Ritengo che il corpo – ha sottolineato il comandante Gianluca D’Asaro – ha svolto egregiamente i propri compiti. Senza turn over da circa 20 anni, con ormai poco personale non più giovane, abbiamo continuato, malgrado il covid che ha focalizzato gran parte degli impegni, a curare ogni aspetto del nostro lavoro”.

Dunque senza assunzioni da un ventennio e con i progressivi pensionamenti e l’inevitabile invecchiamento del personale che è rimasto in servizio. E rispetto al 2020 si è fatto anche di più dal momento che le sanzioni si erano fermate a quota 180 mila euro. Oltre 50 i sinistri rilevati, circa 450 interventi su richiesta o segnalazione da parte di cittadini per buche pericolose, passi carrabili e parcheggi invalidi occupati, traffico congestionato e tutto ciò che vi ruota attorno.

L’abusivismo edilizio resta sicuramente una delle piaghe della città: 23 le violazioni contestate alle norme edilizie ed ambientali. Non sono mancate anche le operazioni per il contrasto all’abbandono dei rifiuti: altri 46 sopralluoghi e qualcosa come 600 ore di controlli effettuati attraverso le telecamere. Sul fronte della polizia amministrativa ci sono stati ulteriori riscontri: accertate violazioni per oltre 80 mila euro, oltre 100 sopralluoghi per occupazioni di suolo pubblico, circa 25 mila euro di emissione di ruoli per anni precedenti non pagati della Cosap e 65 mila euro di verbali non pagati in seguito all’emissione di ordinanze di ingiunzione.

Ed ancora 140 cani sterilizzati e microcippati, circa 130 quelli che sono stati adottati. “Voglio dire grazie – ha aggiunge D’Asaro – alle forze dell’ordine e ai colleghi tutti per la grande collaborazione avuta in questo intenso anno non solo sul fronte covid. Spero e mi adopererò con tutte le mie forze perché questa stretta collaborazione cresca, continui e si affermi la legalità in ogni aspetto della vita di questa cittadina; solo nella legalità questo paese potrà crescere, le attività prosperare, la gente lavorare e i nostri figli, se lo vorranno, continuare a vivere in questa terra e non essere costretti a migrare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.