BENI CULTURALIPRIMO PIANO

San Giuseppe Jato, viabilità a pezzi e tanti disagi al museo dell’area archeologica



“Confido nell’avvio imminente dell’iter amministrativo per la realizzazione del progetto di circa 1 milione di euro che prevede la riqualificazione della intera Area archeologica di Monte Iato, un sito di 220 ettari che accoglie oltre 6.000 visitatori durante l’anno. Dal sopralluogo effettuato questa mattina, però, ritengo necessaria la predisposizione di alcuni interventi per il ripristino dei disservizi che incrinano notevolmente lo svolgimento delle attività lavorative dei dipendenti e la normale fruizione dei visitatori all’interno di un sito importante di interesse storico-culturale”. È quanto affermato dal deputato regionale di Forza Italia Mario Caputo, componente della commissione parlamentare Attività produttive, dopo il sopralluogo effettuato stamane insieme all’avvocato Romina Lupo alla presenza di un gruppo di sindacalisti e dei dipendenti, i quali hanno chiesto al parlamentare di reiterare le diverse problematiche riscontrate agli organi competenti del governo regionale.



“In occasione dell’odierno sopralluogo – ha continuato Caputo – ho avuto modo di constatare personalmente le difficoltà che i lavoratori sono costretti a fronteggiare quotidianamente. Nella fattispecie, sarebbe opportuno intervenire presso i locali adibiti al servizio del personale custode dell’area archeologica per migliorarne le parti strutturali, già deteriorate dalle intemperie che hanno provocato, oltre la precarietà del pergolato ligneo esterno, problemi ai solai di copertura con annesse infiltrazioni piovane. Una condizione – spiega il parlamentare – che costringe i dipendenti ad individuare ripari alternativi non potendo, per tali ragioni, usufruire del presidio ove insiste la presenza di muffe nelle superfici”.

Evidenziato anche un problema relativo alla dissestata pavimentazioni delle due strade secondarie che permettono sia l’accesso al parco archeologico che al museo espositivo “Case D’Alia”. “Presso l’Antiquarium, tra l’altro, – precisa Caputo – le anomalie riscontrate consistono nell’inaccessibilità di alcuni dei servizi igienici-sanitari, destinati al personale e ai visitatori. Considerata l’alta percentuale di visitatori sarebbe opportuno, in attesa che l’iter amministrativo per l’affidamento dei lavori del progetto di riqualificazione venga attivato, predisporre degli interventi necessari e improcrastinabili per assicurare ai dipendenti e all’utenza turistica dei locali idonei per il normale svolgimento di tutte le attività. Sarà mia premura, pertanto, coinvolgere l’assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana e il dipartimento attraverso l’assessore regionale Alberto Samonà e il direttore generale, Calogero Franco Fazio, reiterando loro le istanze dei dipendenti e chiedendo agli stessi di attenzionare la questione mediante un sopralluogo tecnico, tenendo conto dell’elevato numero di utenze all’interno di un antico ed importantissimo sito archeologico che tutto il mondo ci invidia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.