NOTIZIE DALL'ITALIAPRIMO PIANOSANITA'

Covid, fonti ministero: dal primo maggio addio al Green pass | Obbligo di mascherine al chiuso fino al 30 aprile



Riunione della cabina di regia a Palazzo Chigi: stop a quarantene e Dad da contatto, decade il limite alle capienze ovunque (stadi al 100%)



Dal primo maggio termina l’obbligo del Green pass. E’ quanto emerso nel corso della cabina di regia sul Covid a Palazzo Chigi. Si sarebbe stabilito di mantenere il vincolo di presentare il certificato verde in alcuni ambiti ancora fino al 30 aprile. L’attuale regolamentazione sulle mascherine, obbligatorie in tutti i luoghi al chiuso (compreso a scuola), resterà in vigore fino al 30 aprile. Lo rendono noto fonti ministeriali.

Dal primo aprile via Super Green pass per over 50 su lavoro Dal primo aprile sparisce l’obbligo di Super Green pass sui luoghi di lavoro per gli over 50. A chi ha superato questa soglia d’età, per cui in linea generale l’obbligo resterebbe in vigore, sui luoghi di lavoro dovrebbe essere richiesto solo il certificato base.

Da aprile stop al pass sui bus, resta mascherina Sempre dal primo aprile non sarà più richiesto il Green pass sui bus e in generale sui mezzi di trasporto pubblico locale, mentre continuerà a vigere l’obbligo di indossare la mascherina.

Stop quarantene e Dad da contatto Decadono le quarantene da contatto e l’isolamento sarà previsto solo per contagiati. Una misura che varrà anche nelle scuole prevedendo la Dad per i soli alunni in isolamento perché contagiati.
Da aprile decade limite di capienza ovunque, stadi al 100% Decade ovunque dal primo aprile il limite alle capienze nelle strutture. Negli stadi, quindi la capienza torna al 100%.
Obbligo vaccino a personale sanitario fino a fine anno Resta in vigore fino a fine anno l’obbligo vaccinale per il personale sanitario e delle Rsa.

Addio al Cts e al commissario, struttura al ministero della Salute L’Italia dal primo aprile non sarà più in stato di emergenza Covid e di conseguenza decadono il Cts e la struttura del commissario straordinario. Al loro posto dovrebbe essere creata una unità operativa ad hoc al ministero della Salute per accompagnare il periodo transitorio e completare la campagna vaccinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.