CRONACAPRIMO PIANO

Partinico, droga e mafia, “no” alla scarcerazione di Antonina Vitale e del figlio



Restano in carcere Antonina Vitale e il figlio Michele Casarrubia, entrambi arrestato con un’altra ottantina di persone nel luglio scorso nell’ambito dell’operazione antidroga e antimafia “Gordio”.



La cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso dei legali dei due indagati, ritenendo che le argomentazioni investigative e della Procura siano state argomentate e ben circostanziate.

I due sono stati ritenuti il fulcro di un vasto traffico di stupefacenti con contatti avuti persino con la famiglia romana dei Casamonica. Secondo i loro avvocati non ci sarebbe prove e intercettazioni che inchioderebbero i loro assistiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.