POLITICAPRIMO PIANO

BALESTRATE;CONTINUA LA BUFERA SUL COMUNE DI BALESTRATE. I CONTI SONO IN ROSSO E SI FA INSISTENTE L’OMBRA DEL FALLIMENTO. A METTERLO NERO SU BIANCO ADESSO È ANCHE L’ASSESSORE AL BILANCIO, SEBASTIANO ORLANDO,. E ADESSO LO SCONTRO SI SPOSTA TRA AMMINISTRAZIONE E UFFICI, ACCUSATI DI RITARDI.



Continua la bufera sul Comune di Balestrate. I conti sono in rosso e si fa insistente l’ombra del fallimento. A metterlo nero su bianco adesso è anche l’assessore al Bilancio, Sebastiano Orlando, navigato contabile che ha già vissuto la crisi finanziaria del Comune di Palermo. E adesso lo scontro si sposta tra amministrazione e uffici, accusati di ritardi.
Orlando in una nota ha chiesto al responsabile dell’ufficio che si occupa dei conti del comune di relazionare con urgenza sulla crisi del bilancio, e soprattutto per chiarire se la mancata approvazione del bilancio di previsione e del rendiconto sia da ostacolo all’approvazione del piano di salvataggio.
Il comune infatti ha svariati milioni di euro di debiti. Per provare a sanare il buco è stato deciso di ricorrere a un piano di salvataggio. Ma questo piano deve passare dalla corte dei conti, organo che si occupa di monitorare e fare rispettare le norme sui bilanci nella pubblica amministrazione. L’assessore Orlando si chiede se in mancanza di queste procedure approvate, il comune rischia di non poter fare ricorso al piano di salvataggio, e sarebbe la fine. Tra l’altro per approvare il piano mancherebbero ormai meno di due mesi, e in tutto questo del ragioniere generale si sono perse le tracce essendo stato assente. Orlando ricorda infatti che già a luglio aveva chiesto chiarimenti senza però ricevere risposta. Due mesi dopo, mentre la crisi si fa sempre più pesante, Orlando torna alla carica e ricorda al dirigente che è sua responsabilità dirigere il controllo sugli equilibri finanziari.
L’assessore ritiene questa verifica periodica necessaria dal momento che ci sono “eventuali profili di squilibrio non superabili”.
 Quindi, l’assessore è chiaro: se ci sono i presupposti, c’è l’obbligo di proporre la dichiarazione di dissesto. E da un termine di 10 giorni al dirigente per rispondere altrimenti configura la violazione dei doverti d’ufficio da parte del responsabile.
Di tutto questo se ne parlerà intorno a metà ottobre, quando dovrebbe essere convocato un consiglio comunale per parlare della situazione economico finanziaria dell’ente. Nel frattempo, dalla regione un nuovo avviso al comune di balestrate ulla mancata predisposizione del bilancio di previsione 2022 2024, già prorogato dal 31 dicembre scorso al 31 marzo, poi 31 maggio, poi 31 luglio e infine 31 agosto. Balestrate non ha ancora approvato e adesso il tempo è scaduto: a rischio altro commissariamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.