CRONACA

Partinico, riparato il guasto alla casa dell’acqua



Già nel pomeriggio tornerà a scorrere l’acqua nei rubinetti delle abitazioni di Partinico interrotta a causa di un guasto al quadro elettrico di pozzo Ramo, riparato questa mattina con l’intervento degli operai dell’Ato Idrico e del Comune.



Interessati dal problema in particolare le zone di corso dei Mille, di via Francesco Crispi e di via Vecchia di Borgetto.


L’amministrazione comunale, a seguito dell’ennesimo guasto, è pronta a ricorrere alle vie legali contro l’Ato Idrico –annuncia l’assessore Giovanni Pantaleo- al quale chiederà di prevedere il rimborso in bolletta per tutti quei cittadini che hanno subito il disservizio.

Una proposta già lanciata ieri attraverso i social network dal gruppo consiliare di opposizione “Cambiamo Partinico” che ha invitato gli utenti a conservare le ricevute della fornitura di acqua con autobotti private al fine appunto di essere rimborsati.

E sempre i consiglieri comunali Gianluca Ricupati e Valentina Speciale hanno presentato un’interrogazione sui disservizi idrici per chiedere all’amministrazione Lo Biundo se ritiene ancora di dover attendere nell’agire dinanzi a tale situazione di fragilità in cui versa il servizio idrico a Partinico dopo l’affidamento delle reti ad APS ora fallita; quali interventi ha espletato l’unità di crisi costituita dal Comune, con particolare riferimento agli interventi di manutenzione (di cui si chiede di conoscere l’elenco e i relativi costi sostenuti, nonché le procedure espletate per il recupero delle somme dall’Ato Idrico PA1); qual è la reale situazione del Pozzo Ramo che, ciclicamente, subisce dei guasti che, per il numero e la periodicità con cui si verificano, appaiono anomali e indicatori della mancanza di un intervento di manutenzione straordinario; ed ancora i consiglieri di “Cambiamo Partinico” chiedono all’amministrazione di conoscere le ragioni per cui non è attivo il servizio comunale di autobotti e se intende tutelare i cittadini che hanno dovuto sopperire alla carenza idrica mediante il ricorso ad autobotti private i cui costi si aggiungono a quelli, in larga parte forfettari, richiesti dall’Ato Idrico Palermo 1. Un quesito quest’ultimo al quale l’amministrazione ha già risposto questa mattina con l’annuncio del ricorso alle vie legali contro l’ente gestore.

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button